Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il Circuito Cavallaro pronto per nuove sfide entusiasmanti


Il Circuito Cavallaro pronto per nuove sfide entusiasmanti
08/07/2011, 16:07

Parte questo fine settimana sul “Circuito Cavallaro” di Scafati lo spettacolo delle minimoto e delle auto. Il tracciato alle porte di Salerno, prima della pausa estiva, sarà teatro di due eventi. Il 10 luglio ci sarà la finale del campionato regionale Minimoto-Libertas, mentre per il 17 luglio è prevista la sfida con il cronometro per chi guida auto elaborate: “Saranno – spiega Giosuè Cavallaro, gestore della pista – due domeniche cariche d’adrenalina! Il circuito è stato di recente rivisto per meglio accogliere gli appassionati. Un aspetto che mi piace evidenziare è che ogni intervento è stato effettuato per aumentare al massimo la sicurezza di chi scende in pista. Sono contento di poter ospitare una finale di un campionato regionale. Ho sempre avuto la passione per gli slalom d’abilità, e l’avere in programma per domenica 17 ben sessanta auto che si sfideranno, è un motivo d’orgoglio”. Il circuito scafatese è aperto tutti i giorni, e chi ha voglia di provare l’ebbrezza della velocità in sicurezza, c’è la possibilità di noleggiare kart e minimoto: “Anche se fa caldo – dice Cavallaro – sono in molti quelli che vengono a visitarci nei pomeriggi della settimana. Mi sorprende la presenza di donne di tutte le età, e devo ammettere che sono non solo preparate, ma anche brave quando si tratta di spingere forte. Proprio la settimana scorsa abbiamo avuto ospite Marianna Del Sorbo, ragazza che sfida i maschietti in sella ad una Yamaha R6 al Cev. E’ venuta a muovere i suoi primi passi alla guida di un kart, e nonostante l’inesperienza, ha subito fatto registrare ottimi tempi. Per il periodo estivo abbiamo delle promozioni interessanti per chi non possiede né una minimoto, né un kart, ma non per questo vuole rinunciare al divertimento della pista. I papà che verranno con i loro figli, avranno in omaggio un noleggio gratuito. Vi aspetto!

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©