Sport / Vari

Commenta Stampa

L'ira di Trump si schianta contro un muro

Il giocatore ostracizzato è il nuovo testimonial della Nike


Il giocatore ostracizzato è il nuovo testimonial della Nike
05/09/2018, 10:34

USA - Colin Kaepernick fino a due anni fa era il quarteback dei San Francisco 49ers, una delle formazioni di football del campionato statunitense. Poi decis di protestare inginocchiandosi durante l'inno che viene cantato all'inizio di ogni partita. Nelle interviste post partita spiegò che era per protestare contro la violenza della Polizia contro le persone afroamericane. Una presa di posizione che partita dopo partita ha trovato sempre più giocatori disposti a fare lo stesso; al punto che i proprietari delle squadre di football americano (tutti ricchi e dalla pelle bianca) hanno deciso di sanzionare i giocatori che si inginocchieranno durante l'inno. 

E proprio la storia di Kaepernick ha spinto la Nike ha sceglierlo come testimonial. Con lo slogan: "Credere in qualcosa. Anche se significa sacrificare tutto". Perchè Kaepernick ha veramente sacrificato tutto: è stato messo fuori squadra dai San Francisco, che poi hanno risolto il suo contratto. Ed ora, nonostante sia un ottimo giocatore, nessuna squadra lo vuole. Lui si allena, per essere pronto in caso di chiamata; ma è una chiamata che non arriva. 

Anche perchè il suo principale nemico è il presidente Donald Trump che ha definito "persone che odiano l'America" coloro che protestano inginocchiandosi all'inno. E alla notizia che la Nike ha scelto il quarterback come testimonial, ha risposto: "Penso sia un terribile messaggio". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©