Sport / Kart

Commenta Stampa

Il grande slam della CRG-Maxter: dopo il Mondiale KZ1 vince anche il Campionato del Mondo Super KF


Il grande slam della CRG-Maxter: dopo il Mondiale KZ1 vince anche il Campionato del Mondo Super KF
11/10/2009, 17:10

Ancora un grande successo mondiale per la CRG e i motori Maxter nel Campionato del Mondo Karting. Dopo il recente successo di Thonon nella Coppa del Mondo KZ1, questa volta è stato il francese Arnaud Kozlinski a vincere per la CRG-Maxter e a salire sul gradino più alto del podio nel Campionato del Mondo Super KF, la categoria regina del kart senza cambio, nell’appuntamento in prova unica che per la prima volta si è disputato in Asia, sul circuito di Macao.
Una vittoria costruita con grande determinazione quella ottenuta da “Koko” nel difficile weekend cinese, dove il 28.enne pilota di Bordeaux è stato protagonista fin dalle fasi iniziali riuscendo alla fine a dominare la scena e a laurearsi meritatamente campione del mondo 2009.
La CRG conquista così il “grande slam” iridato della stagione, con uno strepitoso bis vincente che suggella un anno dal finale entusiasmante per tutto il team italiano. Un grande risultato che conferma la competitività dei telai CRG oltre alla potenza e l’affidabilità dei motori Maxter.
“Koko” è riuscito a concretizzare il risultato di Macao dopo essersi imposto nelle manches di qualificazione ed aver vinto la prefinale. Grande incertezza invece per il risultato nella Finale, una delle gare più incerte e combattute di questi ultimi anni, condizionata anche dalla pioggia iniziata a cadere dal 6° dei 25 giri in programma.
Con l’asfalto già particolarmente scivoloso in seguito ai problemi sorti alla vigilia e rimediati alla meglio in nottata con cemento e resina cosparso nei punti più deteriorati, dal sesto giro della Finale è arrivata anche la pioggia a creare scompiglio, con la leadership della gara che è passata da “Koko” a Renaudie, quindi ad Ardigò e poi a Vainio. Ma nel momento clou della gara, quando mancavano 6 giri al termine, è stato “Koko” a riproporsi in testa alla corsa, giusto in tempo prima che il direttore di gara si decidesse a dare lo stop con la bandiera rossa per l’oggettiva difficoltà di proseguire in una situazione di aderenza così precaria. Con l’80% dei giri disputati, la gara è stata quindi ritenuta valida a tutti gli effetti. Sul podio insieme a “Koko” sono terminati Vainio e Hanley, mentre il quarto posto è andato a Thonon autore di una eccellente rimonta dal 9. posto.

Chi non è riuscito a concretizzare quanto di buono aveva fatto vedere per tutto il weekend, è stato il francese Brandon Maisano su LH-Maxter, scattato in prima fila insieme a “Koko” ma subito fuori dai giochi per un incidente in partenza. L’altro pilota con il telaio LH, l’inglese Oliver Rowland, anche questi come Maisano assistito in pista da Dino Chiesa, ha combattuto nel gruppo di testa ma poi alla fine si è dovuto accontentare del 12. posto, appena davanti a Davide Forè attardato a causa di alcuni contatti. Fra i piloti della CRG, va menzionato infine Eddy Tinini, veramente sfortunato per essere rimasto coinvolto in un paio di incidenti nelle manches tanto da non poter accedere alla Finale che avrebbe ampiamente meritato.

Alla fine grande festa per tutto il team CRG, ma anche commozione per l’ennesimo titolo mondiale che è andato ad arricchire il già eccezionale palmarès internazionale della casa italiana. “E’ andato tutto bene – ha dichiarato a caldo Giancarlo Tinini, presidente della CRG Spa – è stato un bel risultato per la CRG e naturalmente per “Koko” che da tempo inseguiva questo titolo. Ha fatto una grandissima gara ed ha dimostrato tutta la sua forza. E’ stata una bella affermazione al termine di una stagione che aveva visto proprio “Koko”, Thonon e Forè impegnati nello sviluppo e nella ricerca. Qui a Macao abbiamo avuto anche un buon quarto posto di Jonathan, autore di una bella rimonta dopo le manches di qualificazione. Sono contento anche per Aaro Vainio e Ben Hanley della Maranello, che completano il successo della Tinini Group insieme ai motori Maxter che si posizionano nei primi quattro posti del mondiale Super KF. Peccato per Eddy che a causa di un paio di incidenti non ha potuto qualificarsi per la Finale. E’ stata una stagione importante, costellata di successi, per questo colgo l’occasione per ringraziare tutti i meccanici che hanno contribuito alle nostre vittorie”.

Contentissimo ovviamente Arnaud Kozlinski: “E’ la mia prima vittoria in un Campionato del Mondo, e naturalmente sono molto contento. Non avevo iniziato nel modo migliore quest’anno, poi però ho continuato ad avere fiducia dopo un gran lavoro di sviluppo sui motori e alla fine è arrivato il risultato. Questo titolo mi ricompensa di qualche delusione e soprattutto della sfortuna dello scorso anno per l’incidente a Las Vegas. Questo è il mio terzo anno in CRG, voglio ringraziare tutto il team che mi ha aiutato in tutti i frangenti. Correre in Asia mi porta fortuna, quest’anno ero già arrivato terzo nella Coppa del Mondo SKF a Suzuka, e sempre a Suzuka nel 2006 vinsi la Coppa del Mondo Formula A. Con questo successo a Macao, ho anche vinto una bella scommessa con Nico, responsabile della Maxter. In palio c’era il suo Rolex, che ora è diventato mio!”.

Omar Di Gesualdo, Direttore Sportivo CRG: “Dopo i problemi della vigilia per l’asfalto della pista che si sbriciolava, la manifestazione ha potuto concludersi con regolarità, ed è arrivata l’importante vittoria di Kozlinski. Una cosa stupenda, anche perché era qualche anno che il nostro pilota inseguiva questo risultato. Complimenti quindi a “Koko” che mi ha emozionato molto per quello cha ha fatto. Abbiamo avuto anche una bella prestazione di Thonon, mentre Forè ha sofferto per alcuni incidenti. Ottimo quello che ha fatto vedere anche Maisano, in ottima forma, purtroppo sfortunato per l’incidente in partenza. Chiudiamo quest’anno con due titoli di campionato del mondo in Super KF e KZ1, oltre a un terzo posto all’Europeo KZ1. Abbiamo un ottimo materiale, sia CRG che Maxter, e questo ci conforta molto anche per raggiungere altri traguardi in futuro”.

Nico Carigiet, responsabile motori Maxter: “Veramente un bel risultato per noi, abbiamo avuto quattro motori Maxter nei primi quattro posti, una dimostrazione di superiorità sia in condizioni di asciutto che nel bagnato. Abbiamo avuto un eccezionale trend di crescita nei risultati di quest’anno, con una serie di belle vittorie nel finale di stagione”.

Jonathan Thonon: “Sono contento per la vittoria di “Koko” e per la CRG, che conquista così tutti e due i titoli mondiali della KZ1 e della Super KF. In Finale ho fatto una buona partenza e mi sono subito portato sotto a “Koko”, ma ho preferito fare il gioco di squadra piuttosto che tentare il sorpasso. Credo di aver fatto la cosa giusta, per la CRG era importante vincere il Mondiale e sono soddisfatto per aver offerto il mio contributo”.

Davide Forè: “Ho avuto un incidente in Prefinale che mi ha costretto a partire in Finale dalla 17. posizione. Prima che cominciasse a piovere ero rientrato fra i primi, poi con la pioggia ho rallentato il ritmo perché si era creata una situazione troppo rischiosa. Comunque sono contento per il risultato di “Koko” e per la CRG”.

Eddy Tinini: ”Sono soddisfatto per il gran bel risultato di tutta la squadra. Avrei voluto partecipare anch’io alla Finale per dare il mio contributo, ma purtroppo due incidenti nelle manches mi hanno tolto questa soddisfazione”.

RISULTATI

Macao (Cina), 9-11 ottobre 2009 – Campionato del Mondo CIK-FIA SUPER KF

SUPER KF - Finale: 1. Kozlinski (F) (CRG-Maxter) 18 giri; 2. Vainio (FIN) +1.008; 3. Hanley (GB) +6.103; 4. Thonon (CRG-Maxter) +7.376; 5. Camponeschi (I) +9.255; 6. De Brabander (B) +12.612; 7. Renaudie (F) +13.832; 8. Bressan (I) +15.379; 9. Ardigò (I) +15.841; 10. Puhakka (FIN) +16.917; 11. Convers (F) +17.992; 12. Rowland (LH-Maxter) +19.703; 13. Forè (I) (CRG-Maxter) +20.559; 14. Cesetti (I) +22.923; 15. Kunranta (FIN) +24.517.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©