Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il gruppo Salerno in Moto appoggia il progetto "Befana per l'A.o.s."


Il gruppo Salerno in Moto appoggia il progetto 'Befana per l'A.o.s.'
04/01/2010, 10:01

Dalla voglia di far parte di un gruppo dove l’unica regola che vige è quella per la passione per le moto, nasce nell’ottobre del 2009 “Salerno in Moto”. A capitanare l’associazione c’è Antonio Ardoino, e nonostante i pochi mesi di vita alle spalle, sono già tante le attività svolte, e tra quelle in programma c’è il sostegno al progetto “Aos. per la Befana”: “Siamo – spiega il responsabile – in tutto sessanta soci, con una rappresentanza del gentil sesso molto nutrita. Non abbiamo una sede specifica, ma ci dividiamo in diverse unità territoriali. Organizziamo ogni fine settimana un’uscita, che ha lo scopo di riscoprire i percorsi artistico-paesaggistici della nostra regione. Crediamo che il turismo sia un settore fondamentale per la Campania, e auspichiamo una maggiore attenzione da parte delle istituzioni verso quello che è il nostro oro nero. Abbiamo stretto gemellaggio con i gruppi delle Motocicliste, capitanate da Gilda Circello, Club Vespa Salerno, con a capo Giuseppe Santalucia, e di Vado in moto, presiedute da Carmine Di Somma. Pur non seguendo una linea politica, siamo molto attenti alle problematiche legate al mondo del sociale, e così abbiamo deciso di dare il nostro contributo al progetto Aos, che si occupa del trasporto dei diversamente abili. Purtroppo questi ragazzi non godono di nessuna convenzione, e spesso sono costretti a stare nelle loro abitazioni, perché nessuno può aiutarli. Al fine di sensibilizzare la cittadinanza, e chi la amministra, il 10 gennaio, alle ore 17.30, ci riuniremo con le moto fuori la sede dell’Aos in Via Andrea Lauro Grotto18, e dopo aver fatto un giro turistico per le strade centrali  della città di Salerno, ritorneremo alla base, per trascorrere tutti insieme una serata in allegria. Chi vuole saperne di più, e vuole dare il suo contributo, su www.salernoinmoto.forumfree.it troverà tutte le informazioni del caso”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©