Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

GLI SVIZZERI SU INLER

"Il leone s'è addormentato, paura più non fa"


'Il leone s'è addormentato, paura più non fa'
09/02/2012, 10:02

C’era una canzoncina, oppure era soltanto una filastrocca, che diceva “Il leone si è addormentato, paura più non fa”. Già, il leone pare essersi addormentato anche stavolta, anche a Napoli. Gökhan Inler prometteva scintille, al suo arrivo al San Paolo, ma ancora non è riuscito a ingranare. Colpa del modulo – quella mediana “a due” che soffre tremendamente anche in Nazionale -, o forse di suoi limiti personali. O forse erano sbagliate le aspettative. Intanto domenica è finito in panchina. Mister Mazzarri, per sfidare il Milan, si è affidato in effetti alla coppia Gargano-Dzemaili, ottenendo dal campo una più che discreta risposta.
L’allenatore del Napoli ha poi spiegato, ai microfoni di Sky: «Ci sono momenti in cui un giocatore perde un po’ di smalto e ha bisogno di un po’ di riposo. Ma è normale quando si hanno alternative in rosa. Oggi ha giocato Dzemaili che è arrivato anche lui in estate. Lo scorso anno del resto anche Gargano per un periodo restò in panchina per recuperare le energie». Insomma, come indorare la pillola. Mazzarri sa che da Inler ancora non ha ottenuto quanto si aspettava. Sin qui, per il capitano della Nazionale svizzera, venti presenze in campionato e una media voto non delle migliori, anzi, visto che è non di molto superiore al cinque e mezzo (su dieci), almeno stando alla “Gazzetta”; zero i gol segnati (uno decisivo però in Champions). Troppo poco.
Lui non si scompone, com’è nel suo stile. Anzi, su “Facebook” lancia (lui o chi per lui) messaggi d’amore nei confronti della sua nuova città: «Forza Napoli... con il sole, con la pioggia e con la neve... Forza Napoli sempre», e via con una trentina di punti esclamativi. Come a dire: io sto bene qui, continuate a volermi bene anche voi, lasciatemi tempo per crescere. Inler ha puntato forte su Napoli, e in cambio in effetti ha già ottenuto moltissimo, a cominciare da un contratto da urlo, con un compenso (pare) di due milioni di euro l’anno per cinque anni. Al momento però non soddisfa i suoi nuovi tifosi, che lo hanno addirittura fischiato nel primo tempo (è uscito al 45’) contro il Cesena, una settimana fa.
FONTE: TICINONEWS.CH

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©