Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il Moto Club Piccole Pesti cala i suoi assi


Il Moto Club Piccole Pesti cala i suoi assi
21/07/2011, 11:07

 

Il prossimo fine settimana il Campionato Italiano Velocità fa tappa in Toscana, sulla bellissima pista del Mugello, per il quinto ed il sesto round in programma. Nel doppio appuntamento di sabato e domenica, il Moto Club Piccole Pesti cala i suoi assi Riccardo Russo e Genny Romano, con l’intento di sbaragliare la concorrenza. Russo è impegnato nella classe 600 Stock, ed è attualmente quarto in classifica: “L’anno – spiega Ricky 84 – è iniziato nel migliore dei modi con la splendida vittoria di Misano Adriatico. Purtroppo nelle ultime uscite ho dovuto fare i conti con qualche problema di ciclistica di troppo, e con alcuni miei errori di guida. Ogni volta che scendo in pista, lo faccio con l’obiettivo di fare bene e di vincere. Il Mugello è un tracciato che mi piace tanto, e spero davvero di fare bene in entrambe le sfide. La qualità dei miei avversari è notevole, ed anche se rispetto tutti, nessuno mi fa paura. Per il discorso titolo posso ancora farcela, e invito tutti a seguirci, perché sarà un grande spettacolo!”. Genny Romano, invece, sarà della partita della Yamaha R6 Cup, dove intende continuare la scia di risultati positivi che lo caratterizza da inizio anno: “Sono – dice il napoletano – molto fiducioso. Nell’ultima gara di Misano, una gomma difettosa mi ha fatto partire dalla ventiquattresima posizione. In gara sono riuscito, poi, a recuperare fino alla tredicesima; al traguardo da un lato ero contento per la bella rimonta, dall’altro rammaricato, perché non ho potuto recuperare posizioni in classifica. Sono curioso di vedere quanto saremo veloci con l’asfalto nuovo, e come sempre sarà emozionante danzare tra i saliscendi della pista più bella del mondo. La moto mi piace molto, e gli avversari sono sempre più bravi. Non faccio pronostici, ma per ora incrocio le dita, ma una volta spento il semaforo rosso, spalancherò il gas alla grande!”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©