Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA DINO ZOFF

"Il Napoli può ridimensionare la Juventus"


'Il Napoli può ridimensionare la Juventus'
04/11/2011, 12:11

Dino Zoff ha scritto la storia di Juventus e Napoli, ma anche della Lazio che sarà avversaria degli azzurri, al San Paolo, dopo la sosta. Tre squadre che potrebbero contendere lo scudetto al Milan campione d’Italia. Al momento, però, gli uomini di Walter Mazzarri sono un po’ attardati, anche se adesso il calendario sembra favorevole visto che a spingere Lavezzi e compagni ci sarà il calore del San Paolo.

«Le prossime partite interne, compresa quella con il Manchester City, saranno decisive per il cammino del Napoli – dice Zoff a Radio Marte —. Si tratta di tre sfide difficili, a cominciare da quella con la Juve. Il Napoli però deve dare un segnale importante, soprattutto in campionato, provando a ridimensionare i bianconeri, che al momento sono in testa meritatamente. Secondo me, fino a questo punto della stagione, seppur a fasi alterne, la squadra di Conte è quella che ha fatto vedere le cose migliori».

Dubbi - La prestazione degli azzurri mercoledì in Champions a Monaco ha invece convinto Zoff soltanto a metà: «Il Napoli ha sofferto tanto – continua – e questo a prescindere dall’indiscutibile valore dell’avversario. Era un match difficile e certi adattamenti tattici hanno impedito ad alcuni giocatori, come ad esempio Cavani, di esprimersi al meglio delle loro potenzialità. Forse, qualcosina in più e di diverso si poteva fare».

A SuperDino non è piaciuto nemmeno che Morgan De Sanctis nel finale di partita si sia improvvisato attaccante, arrivando fin dentro l’area avversaria: «Per me– conclude il suo discorso il grande campione – un portiere deve parare e basta. Ciò non toglie che in questo momento Morgan rappresenti uno dei punti di forza del Napoli. Sono due anni e mezzo, ormai, che sta facendo molto bene e come rendimento è addirittura superiore a Buffon, visti i problemi fisici di quest’ultimo nel recente passato».

Napoli-Juventus è già cominciata.
FONTE: GAZZETTA DELLO SPORT
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©