Sport / Vari

Commenta Stampa

IL NAPOLI SALUTA LA COPPA ITALIA SI QUALIFICA LA LAZIO


IL NAPOLI SALUTA LA COPPA ITALIA SI QUALIFICA LA LAZIO
18/01/2008, 10:01

Niente da fare per il Napoli, la squadra azzurra deve salutare la Coppa Italia. La partita contro la Lazio è finita in pareggio, 1-1, un equilibrio che però non è bastato ai partenopei per passare il turno, vista la sconfitta per 2-1 subita all’Olimpico all’andata . La squadra di Reja non brilla al San Paolo, Lavezzi in panchina fa sentire la sua mancanza nonostante i compagni ce la mettano tutta. In alcune occasioni sorge una domanda: ma se il Napoli ci teneva così tanto perché non ha schierato la migliore formazione nè al primo nè al secondo incontro?
Lavezzi in panchina, Gianello in porta e Calaiò al fianco di Zalayeta bastano per far infuriare le curve, il tecnico azzurro, infatti, a fine gara è stato fischiato dalla tifoserie e non ha trovato a difenderlo il presidente De Laurentiis che è parso poco contento in particolare dei cambi. All’andata in campo c’era stato ancora più turn over, forse in questo caso hanno giocato un ruolo fondamentale le squalifiche che hanno convinto l’allenatore a schierare Zalayeta e Gargano non disponibili nell’ultima giornata di campionato d’andata.
Il primo tempo si chiude a reti inviolate, restano a secco sia la Lazio che il Napoli, complice probabilmente il terreno completamente inzuppato vista le giornate di pioggia battente che hanno afflitto la città campana. La seconda frazione di gioco vede i biancazzurri passare in vantaggio con Tare, non basta al Napoli pareggiare con Domizzi, il pari non serve ma va bene alla Lazio che si qualifica ai quarti. Sfortunata anche la squadra di Reja, due pali si mettono di mezzo a una vittoria che come minimo avrebbe portato ai supplementari, prima Calaiò va di testa e la palla sbatte sul ferro banco, poi ci prova Zalayeta che gira di sinistro ma si trova di fronte lo stesso nemico.
In ogni caso domenica sarà di nuovo la Lazio l’avversaria degli azzurri e chissà se la rivincita sarà immediata.

Commenta Stampa
di Francesca Fortunato
Riproduzione riservata ©