Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL MATTINO

Il Pocho suona la carica dalla tribuna d'onore


Il Pocho suona la carica dalla tribuna d'onore
02/02/2012, 12:02

«Sono squalificato, ma soffrirò in tribuna per voi… dai ragazzi! Forza Napoli!». Il Pocho Lavezzi aveva dato coraggio ai compagni su Twitter alla vigilia della sfida contro il Cesena: l’argentino aveva invitato tutti a dare il massimo e poi ha tifato dagli spalti del San Paolo. Fatale l’ammonizione rimediata al «Ferraris» contro il Genoa: una spallata rifilata a Mesto. Contro il Milan al Meazza ci sarà regolarmente, a meno che la sfida non venga rinviata. Stavolta la squalifica è arrivata in tempo utile, cioè la settimana precedente: l’anno scorso invece il Pocho fu costretto a saltare proprio la supersfida contro il Milan, dopo aver saltato la settimana precedente anche il Brescia. Tre turni di stop per lo scambio di sputi con Rosi in Roma-Napoli, decisione presa dal giudice con l’ausilio della prova tv. Poi il ricorso alla Disciplinare del club azzurro, rappresentato dall’avvocato Grassani, determinò la riduzione di un turno e la squalifica fu solo di due partite ma comunque il Pocho saltò la supersfida con il Milan che nel campionato scorso valeva lo scudetto. Il Pocho poi alle sfide contro le milanesi tiene in maniera particolare, soprattutto quelle che si giocano al «Meazza»: contro l’Inter quest’anno è stato tra i protagonisti nella larga vittoria azzurra per 3-0. Il Pocho non segnò ma fu imprendibile, giocò dà prima punta nel ruolo di Cavani, assente per infortunio. Tra l’altro Lavezzi ha sempre destato l’interesse delle due formazioni milanesi, in maniera particolare l’Inter. A Genova ha segnato il quarto gol in campionato, un gol bellissimo che ha riacceso le speranze azzurre per il finale di partita: è stato lui a guidare l’assalto azzurro nel finale dando l’esempio con scatti, dribbling e azioni personali. Quindi, l’argentino è di nuovo in condizione, dopo l’infortunio muscolare subito contro la Roma al San Paolo a metà dicembre. Ha saltato quattro partite, poi è ripartito dalla panchina a Siena, entrando nel secondo tempo e dando un contributo fondamentale per la reazione del Napoli (tra l’altro si procurò il rigore per fallo di D’Agostino, poi fallito da Cavani). Poi titolare in coppa Italia contro l’Inter (lasciò il posto a Pandev nella ripresa) e in campo nell’intera sfida del «Ferraris» contro il Genoa. L’assenza contro il Cesena sicuramente meno pesante rispetto a un’eventuale assenza a Milano contro i rossoneri. Se dovesse essere rinviata Milan-Napoli tornerà in campo nella semifinale di andata di coppa Italia a Siena e in campionato si rivedrà nel posticipo del prossimo lunedì contro il Chievo al San Paolo. Più avanti la Champions contro il Chelsea.

FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©