Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il Pocho vuole rilanciarsi in Europa


Il Pocho vuole rilanciarsi in Europa
16/02/2011, 10:02

In duecento ieri a Castelvolturno ad acclamarlo e ad applaudirlo, in cinquantamila domani al San Paolo per tifare Napoli contro il Villarreal ma anche e soprattutto per sostenere il Pocho, anima azzurra e il più amato dai tifosi. Così va in archivio il day-after delle tre giornate di squalifica all’argentino per il famoso sputo a Rosi della Roma, quello delle polemiche infinite, dei sospetti, dell’indignazione dei tifosi e degli sportivi ma anche delle colpe evidenti del giocatore. Così si torna un po’ a sorridere perché domani sera è già pronta su un piatto d’argento l’occasione per il Pocho di rifarsi, di prendersi una clamorosa rivincita in Europa League. C’è chi ha organizzato anche una suggestiva panolada al San Paolo: gli applausi per il folle argentino si uniranno alla protesta bianca contro le decisioni del giudice sportivo Tosel. L’hanno organizzata ben nove siti web sportivi napoletani e coinvolgerà tutto lo stadio.

Lavezzi nell’ex Coppa Uefa ha lasciato fin qui due segni importanti, che non si scordano: tutto cominciò in agosto al San Paolo con il suo gol contro l’Elfsborg (c’era ancora Quagliarella, e Cavani si accomodava in panchina). Poi, mille storie e qualche gol in campionato, con un altra rete, ma speciale, in Europa: era una sera d’autunno all’Anfield Road, tempio del calcio inglese, con i tifosi del Liverpool ammutoliti per il talento di Eze che mandava in vantaggio un grande Napoli. Domani Lavezzi può ricominciare e può aggrapparsi all’Europa per non pensare alle sfide che salterà in campionato (se i ricorsi del Napoli non saranno accolti) e al fatto che si avvia a un periodo di astinenza calcistica (dal Chievo a oggi, 2 partite giocate su sei gare in campionati, per via di quell’altra balorda squalifica, rimediata per ammonizioni e diffida). Due partite con il Villarreal in sette giorni, per non perdere il feeling con i tifosi, per restare dentro a questa stagione stupenda, per ricordare al mondo che lui può essere ancora leader del Napoli e spalla ideale di Messi nell’Argentina, nonostante i venti e passa gol di Cavani.

Fonte: Leggo

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©