Sport / Pallanuoto

Commenta Stampa

Il Posillipo batte il Civitavecchia e si porta a quota 24 punti in classifica generale.


Il Posillipo batte il Civitavecchia e si porta a quota 24 punti in classifica generale.
05/12/2011, 10:12

SNC Civitavecchia vs CN Posillipo 6 a 9;
SNC Civitavecchia: Sefik, Simeoni, Buffardi 1, Innocenzi, Rinaldi 1, Lisi, Draskovic 2, Chiarelli 1, Romiti, Foschi 1, Pagliarini, Di Rocco, Visciola – Allenatore Marco Pagliarini;

CN Posillipo: Negri, Perez 1, Paskovic, Buonocore, Mattiello, Bertoli, Renzuto 4, Gallo 2, Minguell 1, Calcaterra, Scalzone, Saccoia 1, Antonino - Allenatore Carlo Silipo;
Arbitri: Luca Bianco di Gavardo (BS) e Leonardo Ceccarelli di Firenze – delegato FIN Pais;
Parziali: 1-2, 2-2, 1-2, 2-3;
Note: espulsioni definitive di Scalzone (P) nel 4°T
Superiorità Numeriche: Civitavecchia 2/7; Posillipo 1/2;

Davanti al foltissimo pubblico presente allo stadio del nuoto di Civitavecchia, che non ha mai smesso di incitare i propri beniamini, il Posillipo privo di Baraldi assente per squalifica, ha riscattato il passo falso di Brescia con una convincente vittoria ai danni dei padroni di casa laziali.
La prima rete della partita è dei rosso-celeste che vanno in gol con Draskovic dopo circa tre minuti dall’inizio del tempo, ma bastano 45” al Posillipo per riportarsi in parità con Perez che sfrutta la prima azione in superiorità. Allo scadere del tempo Renzuto realizza la rete che consente agli ospiti di andare al riposo con una lunghezza di vantaggio.
Ed è nuovamente il giovanissimo centrovasca rossoverde che apre le marcature della seconda frazione con un gol realizzato ad uomini pari; la risposta dei locali arriva verso la metà del periodo con la seconda rete di Draskovic ed il gol di Chiarelli in un’azione con l’uomo in più che permette al Civitavecchia il temporaneo aggancio. Oggi, però, il Posillipo può vantare un Renzuto in grande condizione e infatti, è ancora lui a realizzare il terzo gol personale sempre ad uomini pari.
Nulla più accade di rilevante fino alla fine del tempo se non attacchi sterili da una parte e dall’altra che non muovono il risultato che a metà incontro è ancora favorevole ai napoletani anche se con il minimo scarto.
Il terzo quarto inizia ancora una volta nel segno dei rossoverdi che realizzano con Saccoia il primo doppio vantaggio dell’incontro poi ribadito da una rete di Gallo, dopo che i locali lo avevano dimezzato con Rinaldi.
Anche se si gioca punto a punto, appare abbastanza chiaro che le redini del gioco sono saldamente nelle mani degli ospiti e infatti, nell’ultimo quarto, al Posillipo bastano 120” per prendere il largo, doppiare gli avversari grazie alle reti di Minguell e Gallo ed ipotecare il risultato finale. Il tentativo di reazione dei padroni di casa si concretizza nelle reti di Buffardi e Foschi, ma questa, come si è potuto constatare, è la giornata di Enzo Renzuto match-winner dell’incontro che allo scadere segna l’ultimo gol e mette il quarto sigillo personale alla partita.

Da segnalare infine, ancora una prestazione maiuscola di Tommaso Negri che ha parato tutto quello che c’era da parare e sorprende una volta di più, che il CT della Nazionale non lo tenga nella giusta considerazione.
“Dopo la rete iniziale di Draskovic il pallino del gioco è sempre stato costantemente nelle nostre mani – il commento del vice presidente del Posillipo Antonio Recano (oggi dirigente accompagnatore) – ed il Civitavecchia è stato sempre costretto ad inseguire e ciò anche nell’ultimo tempo quando i ragazzi hanno tenuto in pugno l’incontro riuscendo a portare anche delle pericolose controfughe nonostante una certa stanchezza”.
Il commento di Silipo: “Risultato mai in discussione che forse poteva essere più rotondo se nell’ultimo quarto non ci fossero stati fischiati tanti contro falli nelle azioni di attacco. Buona la prestazione di Renzuto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©