Sport / Vari

Commenta Stampa

Il Posillipo cede nel finale ed il Savona si aggiudica gara 1


Il Posillipo cede nel finale ed il Savona si aggiudica gara 1
23/04/2011, 09:04

Carisa Savona: Volarevic, Astarita 1, Mistrangelo, Giacoppo, Smith, Rizzo 1, Janovic 4, Angelini, Lapenna, Fiorentini D., Aicardi 2, Fiorentini G., Antona - Allenatore Claudio Mistrangelo;

CN Posillipo: Negri, Hutten 1, Perez, Buonocore, Mattiello, Ban 1, Guidaldi, Gallo 1, Renzuto Iodice, Bertoli 2, Baraldi, Saccoia, Cappuccio - Allenatore Carlo Silipo;

Arbitri: Alessandro Severo e Attilio Paoletti di Roma – delegato FIN Salino;

Carisa Savona vs CN Posillipo: 8 a 5; Parziali: 2 – 2, 2 – 0, 1 – 2, 3 - 1;

Superiorità Numeriche: Savona 2/8 + 3/3 R; Posillipo 3/14 ;
Note: Prima dell’inizio è stato osservato un minuto di silenzio per la scomparsa di Valentino Capriati giocatore quindicenne della Bari Nuoto. Espulsione definitiva di Smith nel 4°T per raggiunto limite di falli.

Tanta tensione e tanti errori! E’ stato questo il filo conduttore dell’intero incontro che ha visto le due squadre affrontarsi con circospezione avvertendo, forse oltre misura, l’importanza della posta in palio.

Prima fase di studio molto tattica con i padroni di casa che provano a fare la partita e con il Posillipo attento in difesa e pressing alto che aspetta l’occasione per ripartire. Il primo vantaggio è proprio dei rossoverdi che fruttano una superiorità con Valentino Gallo dopo oltre due minuti dall’inizio del tempo e, dopo il pareggio di Aicardi, si portano nuovamente in vantaggio con una rete di Bertoli; allo scadere del tempo sarà Janovic a ristabilire la parità che fissa il risultato del primo quarto sul 2 a 2 .

All’inizio della seconda frazione in soli sessanta secondi i biancorossi riescono a portarsi sul doppio vantaggio grazie a due rigori concessi dagli arbitri, forse troppo magnanimamente e che Janovic trasforma. Sono queste le uniche due realizzazioni del secondo tempo che consentono ai locali di andare all’intervallo sul 4 a 2 .

Ancora un rigore, questa volta trasformato da Rizzo, apre le marcature della terza frazione dopo 26”; il Posillipo, però, non si disunisce e prova a rimontare, fruttando due azioni con l’uomo in più, prima con Ban e poi con Bertoli che realizza la seconda rete personale e permette agli ospiti dopo tre minuti e mezzo di accorciare le distanze e portarsi a meno uno. Dopo questa breve fiammata non accade più nulla, la partita vive un lungo momento di stanca fino alla fine del tempo.

L’ultimo quarto inizia con un botta e risposta tra Astarita e Hutten che lascia invariato il distacco tra le due squadre fino a metà tempo quando i padroni di casa realizzano con Aicardi la rete del doppio vantaggio. A questo punto, purtroppo la partita appare segnata per il Posillipo che non riesce più a rimontare.

A quaranta secondi dal termine un gol di Janovic match-winner dell’incontro con quattro reti fissa il risultato definitivo sull’8 a 5.

Grande rammarico per l’occasione perduta espressa da Gigi Massimo Esposito dirigente accompagnatore dei rossoverdi: “Nonostante i tanti errori commessi in attacco con una percentuale molto bassa di superiorità realizzate, siamo stati in partita fino all’ultimo e forse, con un po’ di cattiveria agonistica in più ed un po’ di apprensione in meno, avremmo potuto portare a casa un risultato positivo. Sono comunque convinto che in gara due riusciremo a pareggiare gli incontri rimandando la qualificazione alla finale al ritorno in Liguria”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©