Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SOSA VERSO CATANIA?

Il Principito ed un trono irraggiungibile


Il Principito ed un trono irraggiungibile
29/01/2011, 11:01

José Sosa è giunto a Napoli quest’estate, accompagnato da recensioni estremamente positive. Ma, almeno fin qui, non è riuscito a ripagare la fiducia della società partenopea, che l’aveva preso dal Bayern Monaco perché potesse rappresentare una valida alternativa a Lavezzi ed Hamsik.
Un posto da trequartista era ciò che Sosa chiedeva ed è ciò che Mazzarri gli ha dato, più volte. Ma, nonostante le numerose opportunità concessegli, l’argentino non è riuscito ad imporsi.
Eppure era lecito aspettarsi che il “Principito” ambisse al “trono”. Dal suo soprannome era lecito attendersi che avrebbe fatto un tentativo per prendersi ciò che, prima o poi,  spetta di diritto ad un vero Principe. E, invece, la sua “timidezza” e qualche infortunio di troppo non glielo hanno permesso. Nessuno si aspettava che “usurpasse” il trono di Lavezzi o Hamsik ma, in quanto “Principito”, si sperava che fosse naturalmente destinato a crescere e a diventar “Re”.
Per ora, la strada che si è parata davanti a Sosa è sembrata a tutti troppo tortuosa per essere percorsa. E, certamente, il talentuoso argentino non è stato aiutato dal mese di Gennaio, in cui sono stati accostati al Napoli diversi giocatori capaci di ricoprire il suo stesso ruolo. La trattativa che porterebbe Mascara in azzurro, in particolare, rappresenta il segno tangibile di una fiducia che, se non è completamente svanita, è quantomeno divenuta parziale.
Già di per sé, l’acquisto di un trequartista come Mascara toglierebbe spazio a Sosa, ma, se fossero confermate, le indicazioni che provengono dai “rumors” del mercato invernale sarebbero ancora più penalizzanti per l’argentino. Si dice, infatti, che il Napoli avrebbe addirittura offerto metà cartellino di Sosa come parziale contropartita per l’acquisto di Mascara.
Dalla sua, però, il fantasista sudamericano ha le regole e, di conseguenza, del tempo a disposizione per dimostrare a chi ha puntato su di lui che non si è sbagliato. Sosa, infatti, ha già vestito le maglie di Bayern e Napoli e, per regolamento, non potrà vestirne una terza in questa stagione.
Il Principito ne è consapevole e sa che ha ancora dei mesi a disposizione per dimostrare a tutti che può diventar Re.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©