Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE "IL MATTINO"

"Il professor Inler sta risalendo in cattedra"


'Il professor Inler sta risalendo in cattedra'
15/02/2012, 10:02

Ordine. Questa è stata la prima e più importante impressione venuta fuori dalla sua gara contro il Chievo. Si è spinto anche alla conclusione. Sembrava una di quelle potenti come ci ha abituato a vedere, come quando in Spagna ha fulminato il portiere del Villarreal in Champions con un sinistro al fulmicotone. Invece il suo tiro dalla lunga distanza al 25’ della ripresa non ha avuto fortuna. Ma lunedì sera al San Paolo si è cominciato a vedere un altro Gokhan Inler. Ordinato, molto più preciso nei passaggi, si è fatto apprezzare dai tifosi sugli spalti e davanti alla tv anche per qualche disimpegno autorevole. Sì, lo svizzero è in ripresa. Sa di poter contare sulla fiducia piena della squadra, della società e di Mazzarri. Proprio lui che è stato il pezzo pregiato del mercato estivo azzurro, costato 15 milioni il suo trasferimento dall’Udinese. Dunque il «Re Leone» Gokhan, il cronometro svizzero è tornato. Contro il Chievo al San Paolo ha dettato le sue regole, imposto il suo fisico. Anche se il cammino sulla via della ripresa piena deve continuare, qualche amnesia si è vista, brutto un impatto con Grava in mezzo al campo. Ma poi Inler è stato tutto corsa, scatti, contrasti. E certo ora ha un bel dire Walter Mazzarri: «Sono contento delle risposte della squadra. Ad esempio, credo che ad Inler abbia fatto bene riposare per un paio di partite: era un po’ usurato a causa dei frequenti impegni con il Napoli e la Svizzera, l’ho visto brillante stavolta. La migliore prova in campionato. Continuerò a lavorare su Inler e i giocatori per migliorare le loro prestazioni, questo è importante». Scatti, lanci, contrasti e, perché no, tiri dalla distanza. Il professor Inler sta risalendo in cattedra e gli sta ritornando il sorriso proprio nel momento in cui il Napoli può aver più bisogno di lui, delle sue giocate precise e delle sue bombe. Magari a partire proprio da venerdì a Firenze.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©