Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il rally degli dei” ha consacrato il Citroën Total World Rally Team.


Il rally degli dei” ha consacrato il Citroën Total World Rally Team.
28/05/2012, 14:05

L’appuntamento greco con il WRC, soprannominato “rally degli dei” dagli organizzatori, ha consacrato il Citroën Total World Rally Team. Gli equipaggi Sébastien Loeb / Daniel Elena e Mikko Hirvonen / Jarmo Lehtinen siglano la terza doppietta della stagione, dopo Messico e Argentina. Sébastien Loeb e Citroën consolidano le rispettive leadership nel Campionato del Mondo, e Mikko Hirvonen conquista il secondo posto della classifica “Piloti”. Dopo due lunghe giornate, l’ultima tappa del Rally dell’Acropoli poteva sembrare più facile delle altre. I 65 km cronometrati erano suddivisi in due circuiti, intervallati da un’assistenza di trenta minuti. Con soli 10'' di vantaggio su Petter Solberg, Sébastien Loeb si lanciava nella speciale di Aghii Theodori in modalità “maximum attack”. Dopo qualche chilometro, un messaggio sul quadro strumenti della DS3 WRC lo avvertiva che poteva lasciare il pedale dell’acceleratore: «Petter si era fermato nella speciale e ho smesso di attaccare. Dopo averlo superato, mi sono detto che sarebbe stato difficile continuare allo stesso ritmo fino all’arrivo, perché la strada era molto dissestata.» L'abbandono di Solberg permetteva a Mikko Hirvonen di passare in seconda posizione. Al ritorno a Loutraki, il finlandese era quasi incredulo: «Questo secondo posto ha dell’incredibile. Ieri a mezzogiorno ho smesso di attaccare per poter conservare la mia posizione e dare un buon risultato complessivo alla squadra, e ora si prospetta una doppietta.» Come previsto, questo Rally dell’Acropoli riservava altri colpi di scena: sudori freddi per il team nella PS20. Da l secondo “split”, Sébastien Loeb aveva un ritardo di un minuto e mezzo sul più veloce. La DS3 WRC n°1 non perdeva più tempo fino al punto stop, dove Seb aveva la conferma di aver forato: «Non so cosa sia successo. Ho sentito che avevamo un pneumatico a terra dopo 3 km. Non era possibile raggiungere l’arrivo in queste condizioni e ci siamo fermati per cambiare la ruota. È andato tutto bene e il nostro posto era ormai al sicuro.» Il rally si chiudeva con la Power Stage, sui primi chilometri di Aghii Theodori. Libero di muoversi in questa sezione relativamente scorrevole, Loeb perfezionava la sua performance con i tre punti di bonus riservati al miglior tempo. Anche Mikko Hirvonen guadagnava un punto supplementare arrivando terzo. «Siamo riusciti a gestire bene la corsa nonostante la pressione incessante dei nostri avversari», dichiarava il pilota, alla sua 71ª vittoria in uncampionato del mondo. «Non ho mai perso la calma, nemmeno quando abbiamo forato, perché ho pensato che il  nostro vantaggio sarebbe comunque bastato. Ci tengo a sottolineare che avevamo la perfetta affidabilità della DS3 WRC su cui contare.» «Non si può parlare di questa doppietta senza citare il team tecnico», aggiungeva Mikko Hirvonen. «Nessun problema meccanico su tutte e due le auto è veramente un fatto eccezionale per un rally come questo. Per quanto mi riguarda, sono ancora sorpreso di aver chiuso la gara al secondo posto, ma bisognava mantenere un’andatura regolare e non commettere errori. Non vedo l’ora dei prossimi rally in Nuova Zelanda e in Finlandia!» «Se si pensa alle condizioni della strada, non si può fare a meno di ammirare la performance dell’intero», sottolineava Frédéric Banzet, Direttore Generale di Citroën. «Le DS3 WRC e i due equipaggi sono statiimpeccabili dal punto di vista dell’affidabilità. Citroën, Sébastien e Daniel restano in testa al Campionato del  Mondo; un bilancio positivo quando siamo quasi a metà della stagione. Come per i rally precedenti, la prestazione di Mikko e Jarmo è stata solida, ed è valsa il secondo posto del Campionato “Piloti”. Ancora una olta, sono molto fiero del miglior rally del mondo.»

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©