Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

OCCHIO ALLA CLASSIFICA

Il ritorno delle sette sorelle


Il ritorno delle sette sorelle
01/12/2010, 09:12

C’erano una volta le sette sorelle. Storie di campionato, di una seria A lontana. Dopo anni di dominio di squadre singole e di grandi capitali del calcio, quel campionato è tornato. Niente più distanze tra big e medio-alte. Niente più Nord e Sud del pallone. Le sette sorelle sono tornate, ed è una gioia vederle sintetizzare il momento del calcio italiano, forse in patria meno prepotente, ma ancora forte all’estero. Negli ultimi nove anni calcistici, manipolati da Juve prima ed Inter poi, mai le prime sette del campionato sono state così vicine a questo punto della stagione. Otto miseri punti separano il Milan, capolista, dalla Roma, settima in classifica. Nel mezzo, i nomi altisonanti di chi negli ultimi dodici anni, come Milan e Roma, il campionato l’ha vinto. Lazio, Juventus, Inter, tutte lì appollaiate a contendersi un posto in più. E a loro, nell’olimpo del calcio italiano, si è aggiunto il Sud. Napoli e Palermo sono lì, a rappresentare il riscatto del calcio meridionale. Gli azzurri sono sul quarto gradino, ed intendono restarci. Il passo è buono, la tenuta pure. Si evitassero ingenuità inutili come quelle contro l’Udinese, si volerebbe anche più in alto, con più gioie e meno dolori. Ma poco importa per ora. La maturità non arriva tutta in un salto. Per poter ambire a traguardi importanti, bisogna restare a lungo sulla vetta. Bisogna ambientarsi all’aria rarefatta della cima, abituarsi al clima rigido e alle avversarie toste che il campionato riserva. Per adesso, basta essere lì. Tra le prime sette. Le sette sorelle che sono tornate, e lotteranno fino all’ultimo per quel posto in più.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©