Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA POSSIBILE ACCELERATA

Il River in B spinge Lamela subito a Napoli?


Il River in B spinge Lamela subito a Napoli?
18/06/2011, 20:06

Così come la volpe che non raggiunge l’uva in cima all’albero dice che è acerba, il Ciuccio che ha difficoltà nell’arrivare a Lamela dice che non è matura?
Potrebbe essere così ma, tanto per restare tra favolette e proverbi, chissà che ad ispirare De Laurentiis non sia stato il detto “chi disprezza, vuol comprare”. “Lamela mi piace, ma non è matura”, parole che sanno di depistaggio.
Non è la prima volta, infatti, che il Presidente del Napoli, nel tentativo di evitare che chi deve vendere tiri troppo la corda, minimizza il proprio interesse per un giocatore. L’ha fatto già altre volte, anche con Inler, per il quale nutre invece un serissimo interesse, visto il protrarsi della telenovela legata al suo trasferimento in azzurro.
Sembra proprio che Bigon abbia iniziato a fare sul serio: è pronto a prendere Lamela subito e ad aspettare un altro anno prima di portarlo effettivamente in Italia. Questa, per lo meno, sembrerebbe essere stata la richiesta del River Plate.
Una richiesta che, con ogni probabilità, non ha infastidito più di tanto il Napoli. “Un altro anno in Argentina, da titolare nel River. Così matura e poi lo portiamo qui” avranno pensato i dirigenti partenopei.
Ora, però, la situazione potrebbe cambiare radicalmente: il River, proprio in questi minuti, sta giocando l’ultima gara del “Clausura” e sta perdendo in casa contro il Lanùs (al 45'), per cui rischia seriamente di retrocedere. Se andasse a finire così, l’affare Lamela potrebbe subire un’improvvisa accelerata.
Il club argentino, infatti, si troverebbe a dover fare i conti con il peggior momento della sua storia (non è mai retrocesso, ndr), cosa che influirebbe pesantemente sulle casse del club. Il River potrebbe dover rinunciare ai suoi pezzi pregiati ed il fantasista mancino che piace tanto al Napoli potrebbe finalmente prendere l’aereo. Direzione: Vesuvio.

Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©