Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

MERITA PIU' SPAZIO?

Il Roma: "Napoli, perché non punti su Vargas"?


Il Roma: 'Napoli, perché non punti su Vargas'?
03/02/2012, 19:02

88 minuti, di cui 45 in coppa Italia e al netto dell’extra-time, spalmati su cinque partite. Questo il “minutaggio” di Edu Vargas (nella foto) da quando indossa la maglietta del Napoli. Poco, forse troppo poco, sicuramente non in linea con l’entusiasmo che ne ha accompagnato l’arrivo in città. E non valga il “ci si aspettava di più”. Stiamo parlando di un giocatore di talento indiscutibile, che ha conteso il pallone d’oro sudamericano ad un certo Neymar, che la nazionale cilena ed in generale tutto il pianeta del calcio saluta come uno degli astri nascenti del panorama mondiale.
Fuori il colpevole, allora. Innanzi tutto una domanda: il suo acquisto a quale esigenza tattica rispondeva? Vargas ha caratteristiche molto simili a Lavezzi, che è il faro di questo Napoli e quindi intoccabile. Dunque andrebbe impiegato, stando al modulo usualmente impiegato da Mazzarri, al fianco dell’argentino ed alle spalle di Cavani. In pratica nella posizione che a turno occupano Pandev e Hamsik, altri due quasi-intoccabili.
Ma soltanto in occasione della gara di coppa Italia con il Cesena, Vargas è partito titolare: poi è sempre subentrato a partita in corso, “gettato” nella mischia per cercare di raddrizzare situazioni difficili. Ciò è successo con Bologna, Genoa e Cesena in campionato, partite nelle quali il Napoli ha racimolato solo due punti.
Esiste allora un problema tattico: mercoledì scorso Mazzarri ha schierato un centrocampo a cinque, con l’inserimento di Dzemaili al fianco di Inler e Gargano, Cavani e Pandev di punta. In tante altre occasioni il tecnico toscano ha preferito schierare Zuniga come “trequartista” nel tridente d’attacco. Un terzino. E Vargas? Il 4-3-3, che sembra adattarsi meglio alle caratteristiche dei giocatori del Napoli, potrebbe rappresentare la chiave per far coesistere il cileno e Lavezzi alle spalle di una punta, sempre che si decida di puntare con maggiore decisione su questo talento che fino ad oggi non ha avuto nessun spazio per esprimersi. Di sicuro la società punta forte su di lui per l’anno prossimo: ma il campionato quest’anno è ancora lungo.
FONTE: IL ROMA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©