Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

SOLUZIONE DA RIPROPORRE

Il Roma: "Piace Hamsik mediano"


Il Roma: 'Piace Hamsik mediano'
12/12/2011, 12:12

Hamsik mediano di centrocampo con Dzemaili al suo fianco. Come è andato l’esperimento? Guardando alla partita in generale e al risultato la risposta non sembrerebbe positiva, ma seguendo con attenzione la prestazione dello slovacco non si è visto un Hamsik appannato. Il campione col numero 17 ha fatto il suo dovere, coprendo gli spazi e provando qualche apertura. Forse qualche lancio di troppo che non ha trovato fortuna: ma il problema di Hamsik centrocampista non è ciò che dà in quella posizione, ma ciò che toglie. Il terzo tenore si fa preferire quando ha più spazi e si inserisce da dietro sorprendendo le difese avversarie. Un lavoro che ieri sera è stato fatto da Maggio, ma con risultati sfortunati. Inserito a centrocampo Hamsik appare troppo sacrificato, anche perché fa perdere qualcosa in avanti. Con lo slovacco messo nella coppia di mediano il Napoli non riesce a mandare cinque giocatori nell’area avversarie come fa di solito, e in fase passiva la copertura non è mai come quando ci sono Inler o Gargano. Insomma, la soluzione con Hamsik nella coppia di mediani sembra essere idonea soltanto in occasioni particolari, quando praticamente non se ne può fare a meno. La dedizione tattica di Hamsik è straordinaria, perché il giocatore è attentissimo a rispettare i compiti che Mazzarri gli assegna, ma ad esempio quando è entrato Inler e lo slovacco si è potuto muovere di più si è visto che in area a prendere il cross di Lavezzi c’era proprio: Hamsik. Lo slovacco ha ciccato il pallone, ma se l’avesse colpito probabilmente il gol sarebbe stato il suo Quindi Hamsik soffre la posizione di mediano in mezzo al campo, magari proponendosi più a suo agio in un centrocampo a quattro piuttosto che a cinque con i due esterni larghi. E se si conta che quando Hamsik gioca arretrato si perde consistenza e imprevedibilità in avanti allora la posizione migliore per Hamsik è quella nei tenori. Va anche detto che l’apporto di Pandev e di Cavani ieri non è stato di certo esplosivo. Il macedone è apparso più svagato del solito, mentre Cavani sembrava soffrire addirittura il campo in erba sintetica, evidenziando un controllo difficoltoso che nel primo tempo non gli ha consentito neanche di muoversi in scioltezza. Un Cavani poco brillante, un Pandev poco incisivo e un Hamsik sacrificato indietro hanno tolto vivacità in avanti. Soluzione da rivedere.
FONTE: IL ROMA

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©