Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA HAMSIK

"Il sogno Champions può diventare realtà"


'Il sogno Champions può diventare realtà'
05/01/2011, 12:01

Il centrocampista azzurro Marek Hamsik, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano "La Repubblica", commentando il bel momento del Napoli e parlando degli obiettivi della squadra azzurra.
"Non mi sarei mia aspettato di avere 10 punti più dell'Inter, anche se loro hanno due turni da recuperare. Adesso ci aspettano due partite difficilissime, tra 180 minuti sapremo che stagione ci aspetta. La Champions è un sogno, per ora: se continuiamo così può diventare realtà".
Forse nessuno, non solo Hamsik, si aspettava il Napoli secondo in classifica.
"Merito dell’equilibrio del nostro campionato: la serie A non fa più sconti a nessuno, ormai. Neppure alle big. Ma il Napoli non è lassù per caso. Il secondo posto in classifica ce lo siamo guadagnato. Il secondo posto è la prova che il Napoli si è avvicinato alle migliori, crescendo passo dopo passo. Tutto questo è merito di tanti fattori: dalla società che un progetto serio, organizzazione e operazioni intelligenti sul mercato, Mazzarri, professionista unico capace di sacrifici incredibili per il calcio, in servizio ventiquattr’ore su ventiquattro. È lui che ci ha convinto della nostra forza".
Merito anche di Cavani
"Il Matador è un compagno di squadra straordinario, lo considero uno dei giocatori più forti della serie A. È più facile vincere con un attaccante così: sta segnando moltissimi gol".
Tanti anche di gol di Hamsik: 37 gol in tre campionati e mezzo, tredicesimo cannoniere della storia del Napoli.
"Mi fa molto piacere e spero di salire ancora più in alto. Ho sempre avuto feeling con il gol: da ragazzino ne ho segnati sedici nella stessa partita. All'inizio della mia carriera imitavo Nedved, ora ho come modelli Gerrard e Lampard. Partire da lontano può essere un vantaggio, basta sapere sempre dov’è la porta".
Manca ancora un gol all'Inter
"È vero, mai fatto un gol contro i nerazzurri. Ma a San Siro sì: ci riuscii in Coppa Italia contro il Milan, ai tempi del Brescia. Fu la mia prima rete in Italia, a 17 anni".
Napoli - Hamsik: binomio fantastico
"Sono venuto a Napoli di corsa, il club azzurro mi ha conquistato subito. Mai avuto uno screzio con la società, mi hanno fatto sentire importante anche quando ero un ragazzino. Qualcosa ho dato, soprattutto per continuità: in tre stagioni e mezza mi sono fermato poche volte. Nessuno ha più presenze di me. Con i tifosi il feeling è senza dubbio ricambiato. Mi piace molto vivere a Napoli, tranne quando sono in giro con la mia compagna e mio figlio, spesso c'è troppo entusiasmo, a volte soffoca un po’."
Il calcio in questo momento è una delle poche cose che regala soddisfazioni ai napoletani
"Ne siamo consapevoli e contenti. Ma non mi rifugio nella mia oasi di calciatore. Avverto il peso di riscattare il nome di Napoli e lo porto sulle mie spalle molto volentieri. Qui si può, ci sono i presupposti per vincere e vorrei farlo con la maglia azzurra. Il Napoli però non deve vincere per forza già quest’anno. Dobbiamo continuare a crescere in maniera graduale, passo dopo passo. Come abbiamo fatto finora".
Intanto Inter e Juve sono dietro
"Sono due squadre forti: puntano allo scudetto e hanno tanti campioni, loro. Aspettiamo comunque queste due partite, poi sarà tutto più chiaro. Ma il sogno Champions può davvero diventare realtà".

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©