Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il team Bee Good di Napoli pronto per la seconda tappa dell'Xr Trophy 1200


Il team Bee Good di Napoli pronto per la seconda tappa dell'Xr Trophy 1200
12/05/2009, 21:05

Tra i colli bresciani dell’autodromo Daniel Bonara di Franciacorta, questo fine settimana romberanno i motori delle bicilindriche di Milwaukee, per la seconda prova dell'Xr 1200 Trophy. Sarà una due giorni di passione, adrenalina e divertimento, con i piloti del team Bee Good pronti a dire la loro. Raffaele Freda e Giovanni Borrelli, impegnati il primo nella Pro Class ed il secondo nella Challenger Class, hanno in queste settimane affilato le armi, per cercare di cogliere preziosi punti per la classifica finale, anche se partono con l’handicap di non aver mai provato sulla pista ai piedi del monte Maddalena. “Ho curato – dice Freda – molto l’aspetto fisico, perché nella prima gara avevo difficoltà nel gestire il peso della moto, specie nelle fasi dei cambi di direzione e della staccata. Sulla pista di Battipaglia (Sa) ho testato il materiale frenante fornito dagli organizzatori, e devo dire che è ottimo. Il feeling migliora test dopo test, e in ottica di gara sarà importante lavorare nel turno di prove per settare al meglio la moto. Il livello degli avversari è davvero alto, con mezzi a punto, ma farò come sempre del mio meglio, e spero di rientrare nelle prime cinque posizioni”. Dello stesso avviso il compagno di squadra: “Il non conoscere il tracciato – spiega il napoletano – ci penalizza molto nel lavoro di messa a punto, perché dobbiamo prima capire quali sono le traiettorie più redditizie, e solo dopo possiamo concentrarci sulla ciclistica. Questo però non mi scoraggia, anzi è un motivo in più d’interesse, e mi sprona a farmi uscire maggiore grinta agonistica. Non mi faccio illusioni sul discorso vittoria, ma se la sfortuna girerà fuori dal mio box, la top five non è tanto lontana. Al di là della posizione alla bandiera a scacchi, esserci per me è già un motivo di soddisfazione, perché già guidare una Harley è un’emozione che vale più d’ogni altra”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©