Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Il Team Bike e Motor Racing punta su Riccardo Russo e Genny Romano


Il Team Bike e Motor Racing punta su Riccardo Russo e Genny Romano
16/04/2010, 14:04

Finalmente si parte! Questo fine settimana, sull’autodromo “Piero Taruffi”, prenderà il via il Campionato Italiano Velocità, evento molto gradito agli appassionati per l’alta qualità dei protagonisti, e per lo spettacolo che questi manifestano quando scendono in pista. Piloti di fama internazionale si sfideranno contro giovani promesse, per la conquista del casco tricolore. Il Team Bike e Motor Racing di Teramo ha puntato su due piloti campani le sue chances di vittoria nella categoria 600 Stock: Riccardo Russo (nella foto) e Genny Romano. Il primo è originario di Caserta, mentre il secondo è di Napoli, entrambi gareggeranno su una Yamaha R6, hanno grinta da vendere, e sono determinati a far valere il proprio valore: “Sono – dice Romano – molto carico. Mi sono allenato molto questo inverno, ed ho disputato la prima gara della Mototemporada a Misano alla ricerca della messa a punto della moto. Il giorno prima di partire per Vallelunga, ho superato un esame universitario nella facoltà d’Architettura, e questo mi ha gasato ancora di più! E’ il primo campionato che affronto con una moto quattro tempi, e spero di maturare molto durante il susseguirsi delle prove in calendario”.

Anche per il diciassettenne Russo sarà la prima volta in un campionato con una moto quattro tempi, ma ha già maturato con la sua R6 un buon feeling, perché quest’anno è stato autore di due prove maiuscole nella Mototemporada: “A Misano – spiega Riccardo – l’11 aprile ho buttato al vento la vittoria nella categoria 600 Stock, perché non mi ero accorto che mancava ancora un giro alla fine….così ho concluso solo secondo. Messo da parte il rammarico per l’errore commesso, sono soddisfatto del comportamento della moto. Prevedere in quale posizione sarò a fine anno non mi piace, credo però che con i ragazzi del team, ci toglieremo tante soddisfazioni”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©