Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il Tempo: "Fallimento Roma"


Il Tempo: 'Fallimento Roma'
27/04/2012, 19:04

La pazienza dei primi tempi si è trasformata in distruzione rabbiosa, schizofrenica, cattiva. Che fare allora? Rimettere tutto in discussione o continuare con il programma studiato un anno fa? La proprietà americana, come accade dall'inizio, lascerà carta bianca ai dirigenti. L'ad Pannes sarà di nuovo a Trigoria la prossima settimana ma non per trattare la crisi tecnica, mentre DiBenedetto è atteso solo per assistere all'ultima gara di campionato il 13 maggio a Cesena: spetta a Baldini in primis decidere come ripartire nella prossima stagione. Il dg volerà negli States a fine campionato per fare un punto della situazione con la proprietà. La scelta delle scelte, ovviamente, riguarda l'allenatore, la cui testa è stata richiesta a gran voce dall'Olimpico dopo la sedicesima sconfitta stagionale incassata con la Fiorentina, mentre in Spagna lo danno in lizza per il post-Guardiola al Barcellona. Qualcuno si sbaglia di grosso, è evidente. Comunque la Roma è pronta a tapparsi le orecchie e andare avanti con lui. Mentre il toto-nome del sostituto è già scattato (Villas Boas, Capello, Prandelli, Guardiola, Mazzarri e chi più ne ha più ne metta) nessuno a Trigoria sta cercando un nuovo allenatore. "Finchè sarò io a decidere, Luis Enrique sarà ancora l'allenatore della Roma" ha detto Baldini. Un frase-chiave, che spiega il legame indissolubile tra i due: il dg sarebbe pronto addirittura a farsi da parte se lo spagnolo gettasse la spugna. Ma è difficile pensare che gli americani lo lascerebbero andare via. La palla passa, anzi resta, allo spagnolo. Luis Enrique è confuso, sfiduciato, in tilt. La situazione è precipitata e nella Roma c'è la consapevolezza che il comandante potrebbe abbandonare la nave a maggio. I risultati deludenti hanno abbattuto le sue certezze e la capacità di resistere da "hombre vertical" alle critiche. L'immagine che ha dato mercoledì pomeriggio è quella di un uomo in crisi totale. In campo e in sala stampa. Il suo corto circuito emotivo è stato trasmesso alla squadra, le conseguenze sono state la prestazione imbarazzante del primo tempo con la Fiorentina, la reazione nervosa della ripresa e la decima espulsione stagionale rimediata da Osvaldo. La Roma non riesce più a seguire il suo tecnico, ha perso i riferimenti e buttato al vento la crescita che si era registrata fino a gennaio. L'allenatore ci ha messo del suo. A Torino, ad esempio, ha schierato una formazione sorprendente, spiazzando per primi i giocatori: il modulo senza Totti e con Perrotta non era stato provato. Con la Fiorentina è rispuntato Greco, salvo poi rispedirlo fuori nell'intervallo. Confusione, insomma, quella che Luis Enrique sembrava aver superato. Adesso il primo in difficoltà è proprio lui e i propositi di fuga sono sempre più concreti nei suoi pensieri. Lo spagnolo potrebbe salutare, assumendosi le responsabilità di una stagione negativo. Ieri a Trigoria i dirigenti lo hanno trovato più carico rispetto a mercoledì. "Lucho" si è rimesso subito al lavoro sul campo, incitando i giocatori. "Il primo tempo con la Fiorentina è da buttare, bravi nella ripresa. Forza, non molliamo, ci sono ancora quattro partite: cerchiamo di entrare almeno in Europa League": questo il senso del suo discorso a un gruppo pieno di musi lunghi e già catechizzato da Sabatini mercoledì allo stadio. Domani contro il Napoli si capirà se il messaggio è stato recepito oppure questa Roma non ha più nulla dentro. Di sicuro in estate verrà cambiata. Non stravolta, ma potenziata con almeno 6-7 acquisti. Preso Dodò, Sabatini sta cercando un terzino destro, un centrale difensivo (o due se andranno via Kjaer e Juan), un centrocampista e un attaccante. Non bisogna rifare tutto da capo, ma servono almeno quattro nuovi titolari. E, forse, un allenatore.

Fonte: Il Tempo

Commenta Stampa
di Marco Marino
Riproduzione riservata ©