Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

La popolarità di Lavezzi in bilico

Impazza la QuagliarellaMania su Facebook


Impazza la QuagliarellaMania su Facebook
23/07/2009, 16:07

Non è bastato il ritorno alla normalità del giocatore Ezechiel Lavezzi per calmare gli animi della società. Il presidente de Laurentiis ha strillato il fantasista napoletano durante una conferenza stampa. Il patron del Napoli ha assicurato che la squadra può fare a meno del giocatore argentino. La colpa del Pocho, secondo il presidente, è stata quella di non essersi comportato correttamente nei confronti della società, della squadra e dei tifosi. Proprio i supporters partenopei in questi giorni stanno abbandonando Lavezzi per coccolare il nuovo acquisto Fabio Quagliarella. Se prima si cercava nel fantasista Napoletano l’immagine pulita del calcio a Napoli, adesso è il turno dello Stabiese che potrebbe rappresentare in tutto e per tutto l’immagine verace del calcio a Napoli.

Anche su Facebook impazza la QuagliarellaMania. Gli utenti del social network hanno dato vita ad un gruppo in onore del nuovo acquisto del Napoli http://www.facebook.com/profile.php?id=1539688024#/group.php?gid=110906267202&ref=ts, Fabio Quagliarella: NAPOLETANO DOC, che ha lo scopo di sostituire quello precedente del PDL – Partito di Lavezzi. Attualmente i membri del gruppo in onore del Pocho conta più iscritti, ma ben presto le nuove adesioni porteranno ad un pareggio del numero di iscritti. Noti firme del giornalismo campano hanno aderito a queste iniziative virtuali e questo fa ben sperare sul concretizzarsi degli scopi reali che potrebbero riflettersi sulla vita sociale cittadina.

Ovviamente non è uno scontro di natura politica o commerciale, anzi saranno previsti eventi di beneficenza che coinvolgeranno gli stessi giocatori, ma molti iscritti al primo gruppo su Lavezzi stanno migrando su quello dedicato al neo acquisto Quagliarella, preferendo l'avere due piedi in due scarpe: potrebbe accadere che Lavezzi si svegli e Quagliarella si riveli un Flop. A questo ci hanno pensato gli autori dei gruppi che hanno già deciso di gemellarsi per finire, comunque vada, in pareggio.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©