Sport / Motorsport

Commenta Stampa

In India “Suzuki MPV ERTIGA” porta in viaggio tutta la famiglia


In India “Suzuki MPV ERTIGA” porta in viaggio tutta la famiglia
20/04/2012, 12:04

A partire dal 12 aprile Maruti Suzuki India Limited, la filiale indiana di Suzuki Motor Corporation, ha lanciato sul mercato la nuova Suzuki MPV Ertiga.

Composta da tre file di sedili per un totale di sette posti, Suzuki MPV Ertiga è stata pensata proprio per venire incontro alle peculiarità della società indiana, costituita da famiglie molto numerose, e alle esigenze di un mercato attento al design, ai bassi consumi e alle vetture economiche.

In India il mercato delle automobili a tre file di sedili è composto da veicoli di grandi dimensioni e spesso ingombranti con una cilindrata superiore ai 2.0 cc. Suzuki MPV Ertiga si differenzia da questa tendenza presentandosi come una macchina compatta in grado di garantire a tutta la famiglia ampi spazi all’interno dell’abitacolo, un’ottima manovrabilità e facilità nel parcheggio occupando poco spazio esterno; inoltre la versione benzina da da 1.4 cc e quella diesel da 1.3 cc assicurano un basso consumo di carburante.

Suzuki MPV Ertiga è una variante MPV (Multipurpose Passenger Vehicle) della Suzuki Swift e presenta un doppio sistema di climatizzazione ed un bagaglio reso ancora più ampio dalla possibilità di ripiegare nel pianale la terza fila di sedili.

Con il lancio di questa nuova vettura, pensata ad hoc per il mercato indiano e che potrebbe in un secondo tempo essere proposta in altri paesi asiatici, Suzuki mostra una volta di più la propria attenzione nei confronti delle esigenze dei propri clienti, proponendo prodotti differenti per caratteristiche tecniche ed estetiche a seconda delle peculiarità sociali e culturali dei singoli paesi in cui l’azienda nipponica opera.

Aritaka Okajima, il nuovo General Manager del Corporate Communications Department di Suzuki Motor Corporation ha affermato: “con MPV ERTIGA, Suzuki incontra le esigenze delle famiglie indiane, spesso molto numerose, i cui componenti potranno così viaggiare tutti assieme in un unico veicolo comodo ed economico.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©