Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL ROMA

Inler in difficoltà, la soluzione di Mazzarri


Inler in difficoltà, la soluzione di Mazzarri
22/01/2012, 09:01

Si è discusso, probabilmente troppo, di Gokhan Inler. Quando è arrivato qualche risultato negativo lo svizzero è stato oggetto di discussione. "Non gioca come a Udine", "Soffre il modulo", è stato detto. E anche Mazzarri ha parzialmente ammesso qualche difficoltà: "Se ci fate caso, da quando è arrivato Inler subiamo di più in difesa", disse il tecnico nel dopogara col Bologna. Un’ammissione sincera, che non sapeva di bocciatura. E che Inler non sia il giocatore determinante che ci aspettava lo sa anche Mazzarri: "Tutto dipende da cosa ci si aspetta da un giocatore. Lo scorso anno ha fatto molto bene, ma quest’anno non credo che stia facendo peggio. Non so cosa ci si aspettava da lui, ma personalmente sono soddisfatto del suo rendimento. Ha fatto un gol decisivo in Champions, e nella recente partita di Palermo secondo me ha fatto la miglior prestazione in azzurro. Modulo? Può darsi che abbia un minimo di difficoltà ad inserirsi in un modo di giocare un po’ diverso. Ci lavoreremo, ma ci vuole un po’ di tempo. Con lui abbiamo guadagnato tanto nelle partite internazionali, guadagnando in tecnica e sangue freddo nelle grandi partite. Anche Gargano lo scorso anno prese qualche critica, ma tutti sanno che giocatore sia. Inler non può essere sempre al massimo".

L’allenatore azzurro capisce le difficoltà dello svizzero a muoversi in un centrocampo a due: difficile avere libertà di impostare e di portare palla quando bisogna sempre guardarsi le spalle. Mazzarri ha garantito che qualche accorgimento si sta studiando, e probabilmente si potrebbe ben vedere ben presto: "Il dato importante è che i gol subiti sono gli stessi dello scorso anno. Gli equilibri sono importanti, e noi spesso ci sbilanciamo troppo. Dobbiamo stare attenti a non subire troppo, io guardando anche queste cose. Sono valutazioni che posso fare anche in base agli avversari. Se voglio giocare con tre attaccanti e un trequartista serve che debbano essere tutti in uno stato di forma eccezionale. Dobbiamo fare la partita per vincerla, attaccando ma stando attenti agli equilibri. Questo non sempre ci è riuscito quest’anno, ma qualche accorgimento lo abbiamo già preso". Ma cosa potrebbe cambiare? Mazzarri è pronto a sistemare diversamente Inler e Gargano: non più appaiati sulla stessa linea: ma l’uruguaiano più dietro e lo svizzero leggermente più avanti. Potrebbe essere una soluzione visibile già da oggi.

FONTE: IL ROMA

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©