Sport / Calcio

Commenta Stampa

Il nuovo presidente

Inter, Thoir: «Stabilizzare i ricavi per ripartire»


Thoir con Moratti
Thoir con Moratti
19/11/2013, 10:38

MILANO. «È stato un sogno che si è realizzato: c'è molto entusiasmo ma devo raffreddarlo perchè il lavoro non è ancora stato compiuto. Vogliamo fare l'Inter sempre più forte. L'Inter è dei suoi tifosi, ma devono essere contenti anche i suoi dirigenti, quindi il punto di partenza è stabilizzare i ricavi». Cosi' il presidente dell'Inter, Erick Thohir, nel corso del programma "Tiki Taka - Il calcio è il nostro gioco", andato in onda nella tarda serata di ieri su Italia 1. Il magnate indonesiano ha parlato anche del mercato nerazzurro e della possibilita' di costruire un nuovo stadio per l'Inter: «Mi piacerebbe molto Messi all'Inter, come mi chiedono i tifosi. Stiamo analizzando se intervenire a gennaio, ma senza fretta. Noi stiamo cercando di creare un sistema che non sia per quest'anno ma per il futuro. Speriamo di vincere la finale Champions a Milano nel 2016, per i primi due anni i dirigenti lavoreranno per sistemare e aumentare i ricavi. è troppo presto per parlare di stadio: valuteremo se continuare a San Siro o cambiare. Mai sarò in grado di pareggiare i successi di Moratti: voglio far crescere l'Inter proprio grazie alle fondamenta solide che ha costruito la famiglia di Massimo». A proposito di Josè Mourinho e del rapporto con la Juventus: «Mourinho è un grande allenatore, uno dei più grandi al mondo. Agnelli e la polemica su Jakartone? Non ho mai sentito parlare di scudetto di cartone, credo sia una cosa che non possa esistere. Ad ogni modo il passato è passato. Ho un figlio juventino, ma credo che tra pochi mesi diventerà interista». Thohir chiude con un sincero apprezzamento sulla squadra: «Sono andato alla Pinetina e devo dire che e' davvero un posto leggendario. Quello che mi ha impressionato e' Zanetti: mi piacerebbe che i giovani di oggi avessero la sua disciplina. Stimo molto anche Mazzarri: spero di fare per lui un'Inter sempre piu' forte e di far arrivare in nerazzurro tanti giovani talenti».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©