Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Intervista a Antonino Schisano, presidente del Comitato Regionale Campano della Fmi


Intervista a Antonino Schisano, presidente del Comitato Regionale Campano della Fmi
08/02/2010, 08:02

In occasione della premiazione dei Campionati Italiani di Mototurismo del 2009, che si è tenuta nell’elegante cornice del Grande Hotel Salerno, il presidente del Comitato Regionale Campania della Fmi, Antonino Schisano, ha dato appuntamento ai motociclisti della sua regione il 20 febbraio ad Atripalda. Nella cittadina della provincia di Avellino, che la leggenda vuole essere stata fondata da Sabatio, il pronipote di Noè, presso il Centro Polivalente del Comune, alle ore 16:30 si terranno le premiazioni dei campioni regionali del 2009, e saranno illustrati i programmi ufficiali del nuovo anno: “La passata stagione – spiega Schisano – è stata importante perché ha permesso il recupero di discipline come l’Enduro ed il Cross. Queste, grazie alla nuova formula del Trofeo Sud Italia, hanno visto un interessante numero di piloti iscritti. Nel Mototurismo i moto club campani si confermano come protagonisti della disciplina. La soddisfazione maggiore è venuta però dal Motomondiale, dove un ragazzo di Napoli, Raffaele De Rosa, si è aggiudicato il titolo di miglior debuttante della classe 250”. Tante le novità che il comitato regionale campano ha in programma per avvicinare la Fmi ai motociclisti: “Gli strumenti – dice – dell’Apt e dell’Hobby Sport permetteranno ai club di avere due assi da calare in più per organizzare eventi dove i centauri godranno di tutte le tutele necessarie. La passione e la professionalità di Enzo Frezza, Dino Sorrentino e Tony Cerbone, ha permesso la creazione di un campionato regionale di Cross che si svilupperà su dieci prove. Nella Supermoto, grazie all’entusiasmo della Volpe del Sannio Enzo Gnerre, saranno sette le sfide in programma, e come gustoso corollario ogni prova avrà una gara di Pitbike-Motard. Nell’Enduro continueremo ad andare avanti con la formula del Trofeo Sud-Italia, mentre un plauso va ad Onelio Salsano, baluardo del Trial nostrano. Cercheremo di garantire al settore del Motorusimo gli standard che hanno permesso di ben figurare a livello nazionale. Nella velocità, i moto club sono al lavoro per garantire la nascita di un campionato riservato ai conduttori di minimoto. Al di là dei programmi delle singole discipline, saranno i moto club, con i loro soci, i veri protagonisti del 2010. Come presidente del comitato regionale, posso garantire che cercheremo d’essere sempre più sensibili alle richieste che questi avanzeranno, e faremo del nostro meglio per esaudirle nella maggioranza dei casi”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©