Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Intervista a Riccardo Russo


Intervista a Riccardo Russo
15/05/2012, 09:05

Quattro vittorie, un secondo ed un quinto posto sono il bottino di Riccardo Russo in questa prima parte della stagione. Il pilota del Team Italia è in testa nelle classifiche della classe 600 Stock sia del Civ sia del Uem-European Championship, ed è il volto nuovo della velocità tricolore: “L’inizio – dice il casertano – di stagione è stato molto positivo. A Monza, in occasione della prova europea, mi sono divertito tanto. Avevo sbagliato la partenza, ed alla prima curva ero dodicesimo. Tornata dopo tornata, però, sono stato abile nel recuperare posizioni, ed ho tagliato così per primo il traguardo. Nel paddock ho ricevuto i complimenti di Melandri e Giugliano. Fino ad oggi la pista dove più mi sono trovato a mio agio è Imola”. Il talento di Russo è esploso quest’anno, ma Ricky 84 vanta un palmares ricco: “Sono – racconta il rider del Moto Club Piccole Pesti stato più volte campione regionale in sella ad una minimoto, e due anni fa mi sono aggiudicato la Yamaha R6 Cup. L’anno scorso, ho chiuso secondo al Civ nella categoria 600 Stock. Quest’anno lotterò per conquistare gli scettri italiani ed europei. Dove sono cambiato sensibilmente rispetto alle stagioni passate è nella testa, ed oggi conduco una vita più da pilota. La mattina vado in palestra, alla Imperial Fit di Aversa, dove mi aspetta il preparatore atletico Alessandro Piccolo. Il pomeriggio lo trascorro in sella; motard o bici a seconda della tabella d’allenamento. Solo la sera la dedico allo svago, senza esagerare con gli orari”. Oggi Russo è il pilota da battere: “Fa piacere – afferma – essere al centro dell’attenzione. Gli altri studiano quello che io ed il team facciamo. La squadra quest’anno è migliorata tantissimo. Peppe Russo è un valido motorista. Luca Federzoni e Simone Steffanini sono dei meccanici che hanno la capacità di risolvere ogni problema; dopo i loro interventi la moto è perfetta. Un aiuto prezioso viene anche dal tecnico delle sospensioni Filippo della Ohlins, perché subito interpreta cosa voglio. C’è poi Cristiano Migliorati, il coordinatore federale, che prima di ogni gara ci carica”. Una volta respirato il clima da competizione, Russo si trasforma in animale da gara: “Il venerdì – spiega – al primo turno controllo se la moto risponde alle mie esigenze. Poi inizia un lavoro certosino di messa a punto delle sospensioni. La R6 ha un motore che spinge forte, più che sufficiente per vincere le sfide contro il cronometro. La mia è una guida spigolosa, aggressiva. Qualcuno ha detto che se vinco è perché sono scollegato. Beh non ha tutti i torti, perché quando sono tra i cordoli la mia mente si scollega dal resto del mondo, ed è tutta concentrata per sbranarli”. Il 10 giugno Russo sarà a Misano sul World Circuit per confermare la leadership nell’Uem-European Championship: “L’obiettivo – svela – è conquistare i 25 punti. Il tracciato mi piace ed in passato sono sempre andato forte. Oggi è più semplice scommettere su di me, ma non dimentico chi lo ha fatto sin dall’esordio. Un grazie va al mio fedelissimo sponsor, il caseificio Fierro. Grazie anche ai ragazzi del team, che mi hanno accolto come un fratello”.

Commenta Stampa
di Alfredo Di Costanzo
Riproduzione riservata ©