Sport / Basket

Commenta Stampa

Job Gate Basket Vomero, al PalaBarbuto l’ultima gara interna della regular season


Job Gate Basket Vomero, al PalaBarbuto l’ultima gara interna della regular season
13/04/2012, 09:04

Torna la serie A2 di basket femminile dopo la pausa di Pasqua e arrivano gli scontri decisivi per delineare la classifica finale. Domani la Job Gate Napoli Basket Vomero ospiterà Pomezia (ore 19, ingresso gratuito) nella penultima giornata di ritorno. Sarà una gara da dentro o fuori, perché le due formazioni sono dirette concorrenti per un posto nei play-off ma rischiano entrambe, in caso di sconfitta, di dover disputare i play-out. Al momento, infatti, la Job Gate è ottava insieme alla Saces Napoli a quota 20 punti, a 2 punti da Ancona e con 2 lunghezze di vantaggio su Pomezia e Carpedil Battipaglia. Vincere domani assicurerebbe alle napoletane la salvezza matematica (al massimo la squadra di coach Romano potrebbe arrivare nona, evitando i play-out) e darebbe la possibilità di giocarsi un posto nei play-off all’ultima giornata contro Ancona. Perdere, invece, significherebbe abbandonare quasi certamente la possibilità di giocare i play-off.

“Sarà la gara che deciderà le sorti della nostra stagione – spiega il coach, Massimo Romano -. Vincere è fondamentale e dovremo provarci in ogni modo, mantenendo la giusta concentrazione durante tutto l’arco del match, evitando i cali di tensione che troppo spesso ci hanno portato a perdere gare che avremmo potuto vincere. Abbiamo preparato la partita con molta attenzione e mi aspetto che le ragazze diano il massimo per chiudere al meglio la stagione”. A disposizione di Romano ci sarà l’intero roster. Il quintetto sarà deciso solo poco prima della gara, ma di certo partirà dall’inizio la bulgara Milena Tomova.

Job Gate Napoli Basket Vomero-RomaSistemi So.Se.Pharm Pomezia, valida per la dodicesima giornata di ritorno del campionato di serie A2 di basket femminile, si giocherà domani, sabato 14 aprile, alle ore 19 al PalaBarbuto di Napoli. Arbitreranno Capozziello di Brindisi e Lucarella di Taranto


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©