Sport / Vari

Commenta Stampa

JUDO, 70 SOCIETÀ E 500 ATLETI SUI TATAMI DEL MEMORIAL “BIAGIO D’ISANTO” DI POMIGLIANO D’ARCO


.

JUDO, 70 SOCIETÀ E 500 ATLETI SUI TATAMI DEL MEMORIAL “BIAGIO D’ISANTO” DI POMIGLIANO D’ARCO
11/11/2008, 15:11

 

Settanta società iscritte, in rappresentanza di tutte le regioni italiane e delle più importanti federazioni sportive; quasi cinquecento gli atleti che si sfideranno sui tatami del palazzetto dello sport “Sandro Pertini” di Pomigliano d’Arco in due giorni di judo; cinque nazioni oltre all’Italia rappresentate; dirigenti della federazione internazionale e allenatori della Nazionale azzurra che hanno assicurato la loro presenza. Sono i numeri della quattordicesima edizione del memorial internazionale di judo “Biagio D’Isanto”, in programma domenica prossima, 16 novembre, a Pomigliano d’Arco, manifestazione inserita tra le prove del Gran Prix Open d’Italia (circuito che individua gli atleti che parteciperanno al Gran Prix europeo, valevole anche come selezione per le prossime Olimpiadi) e che quest’anno sarà preceduta, sabato 15 novembre, dal primo open giovanile, a cui prenderanno parte i migliori under 16 italiani.
Fervono i preparativi per la buona riuscita della rassegna: alla manifestazione organizzata dalla Asd Pomilia hanno assicurato la loro presenza atleti provenienti da Cuba, Francia, Georgia, Romania e Spagna. Tra gli italiani da segnalare la presenza di Marco Maddaloni, che gareggerà nei 73 km. All’ultimo momento, a causa dei problemi di carattere internazionale che stanno vessando il Paese, è saltata la presenza di 25 judoka del Congo.
Sarà invece sicuramente presente il direttore tecnico della Nazionale italiana e allenatore della medaglia d’oro a Pechino, Giulia Quintavalle, Felice Mariani, che a Pomigliano d’Arco punta ad osservare gli atleti che sono in odore di convocazione in azzurro, in vista del lavoro da svolgere per arrivare alla rassegna olimpica in programma a Londra nel 2012. A rappresentare la federazione internazionale di judo ci sarà Franco Cappelletti.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©