Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LO SCRIVE IL MATTINO

Juve-Napoli, per Gargano nona gara consecutiva


Juve-Napoli, per Gargano nona gara consecutiva
01/04/2012, 11:04

Il gioco dei nove: comincia Gargano, finisce Gargano. Giostra azzurra e giri a ripetizione, fiocco e festa: quella di oggi a Torino con la Juve sarà la nona partita in fila per l’uruguaiano che ha il secondo cognome uguale al Che (Guevara). Mazzarri li chiama titolarissimi, lui è anche l’infaticabile. Come farà è ancora un mistero: di corsa come pochi, probabilmente come nessuno, macinando la media, altissima, di 12 chilometri a partita. Gambe d’acciaio, fibre esplosive, e due polmoni che erogano ossigeno per se stesso e per gli altri. Il meglio del repertorio da spiegare soprattutto contro gente come Vidal, Pirlo e Marchisio: lui lo sa, che oggi non si tratta di una partita qualsiasi.

MEZZA MARATONA - E allora, i numeri. Che sono due, sostanzialmente. Forma e sostanza, per la precisione: allo Juventus Stadium, le sue massacranti passerelle consecutive diventeranno 9; alla media di 12 chilometri percorsi sempre correndo, a ritmi altissimi. Pressando su chiunque, ininterrottamente: raddoppi e giù a ringhiare come un pitbull, come lo chiama qualcuno dei suoi compagni. Perde palla o sbaglia un passaggio? D’accordo, accade, è innegabile, però due secondi dopo è lì a tentare il recupero. Altro che Mota. Altro che puffo e piccoletto. Sì, sono queste l’intensità e la distanza media percorsa dallo splendido atleta uruguaiano, dati alla mano raccolti da chi di dovere. E parliamo di una media, però, e ciò significa che a volte possono essere 11 ma anche 15. Non lontano, poi, così tanto dalla mezza maratona (21 chilometri).

CHE FATICA - Generoso come pochi. Infaticabile. E per questo anche difficilmente sostituibile: non è un caso, allora, se l’ultima volta che Mazzarri gli ha concesso un turno di riposo risale a venerdì 17 febbraio. A Firenze con la Fiorentina (entrò al 25′ del secondo al posto di Hamsik). E se le sue presenze in campionato finora sono 25, con 2 gol, è soltanto colpa di una squalifica, che gli ha impedito di esordire in campionato a Cesena, e di un infortunio muscolare piuttosto serio rimediato a Cagliari. Stesso motivo che lo ha privato dell’en plein in Champions (fuori a Monaco di Baviera). In totale, sono 35 le partite giocate in stagione da Gargano. Pesanti il doppio, se considerate con il carico di fatica accumulata.
IL NEO GIALLO - E ora? Beh, la Juventus e la nona consecutiva tra campionato e coppe varie dopo due con il Chelsea in Europa; l’Inter, il Parma, il Cagliari, l’Udinese e il Catania in campionato; il Siena in Coppa Italia al San Paolo. Eccolo il grande neo della sua stagione. Un neo giallo, una macchia ahilui indelebile: nella semifinale di ritorno, infatti, ha rimediato un’ammonizione fatale che lo priverà del gran galà di Roma del 20 maggio. Era diffidato e neanche lo sapeva. Beh, non gli resta che la Juve di oggi. Un motivo in più per correre ancora più forte.

FONTE: IL MATTINO
 

Commenta Stampa
di Luigi Russo Spena
Riproduzione riservata ©