Sport / Offshore

Commenta Stampa

Karelpiù: terzo posto nelle acque sarde


Karelpiù: terzo posto nelle acque sarde
11/07/2010, 19:07

Bilancio positivo per il team RG87 Karelpiù di Antonio e Giuseppe Schiano nella terza prova del Campionato Mondiale Powerboat Gps, disputata a Poltu Quatu, in Costa Smeralda. L’equipaggio flegreo ha chiuso con il terzo posto finale la tappa sarda, conquistando il gradino più basso del podio nella seconda prova. Il risultato è frutto anche della penalità subita nella prima prova, quando Karelpiù, dopo aver vinto è stato penalizzato in serata di 30” per un over speed (limite di velocità di 90 miglia orarie superato), scalando al terzo posto. Un episodio sfortunato, conseguenza della rottura del gps, che ha impedito di tenere sotto controllo la velocità. La gara di oggi, invece, è stata condizionata da una partenza confusa, che ha visto al via gli scafi Caffè Kenon (Tedeschi-Testa, che partecipava solo alla prova del Campionato Italiano, quindi fuori classifica per il Mondiale) e Baia-Attolini (Capasso-Guidi-Foglia Manzillo) stringere il Karelpiù guidato da Giuseppe Schiano, che è stato costretto a rallentare cedendo il passo ai due avversari e all’altro team partenopeo Al&Al (Amato-Nuzzo). Nonostante l’inconveniente Karelpiù ha inseguito da vicino gli avversari provando ad approfittare di qualche passo falso per guadagnare posizioni, ma alla fine ha pagato lo sforzo con uno spin out (testacoda) che ne ha rallentato la corsa, pur non influendo sul risultato finale della prova.
“È stato il mio primo spin out – ha commentato Giuseppe Schiano, pilota di Karelpiù, a fine gara – fortunatamente senza conseguenze, è stata un’esperienza divertente che prima o poi dovevamo affrontare. Siamo soddisfatti di come la barca risponde alle nostre sollecitazioni, siamo competitivi e saremo ancora in lotta per vincere le prossime prove”. La soddisfazione per il rendimento dello scafo traspare anche dalle parole del throttleman Antonio Schiano, padre di Giuseppe: “La barca, preparata dall’Hi-Performance Italia di Francesco Calò, che era a bordo con noi, cresce di gara in gara. Manca ancora un pizzico di esperienza ma siamo in grado di lottare costantemente con i più forti”.
Al termine di questa tappa, vinta sommando i risultati delle due prove dal team Al & Al, davanti a Baia Attolini e Karelpiù Rg87, il team di Giuseppe e Antonio Schiano sale al quarto posto nella classifica del Mondiale dopo sei gare, stessa posizione che occupa in quella del Campionato Italiano dopo due prove, mentre nella corsa al titolo Europeo figura al terzo posto dopo quattro gare.

Ordine d’arrivo terza tappa Mondiale Uim Powerboat Gps – categoria Supersport (Poltu Quatu – prime posizioni)

1) Al & Al
2) Baia Attolini
3) Rg87 Karelpiù

Classifica provvisoria Mondiale Uim Powerboat Gps – categoria Supersport

1) Baia Attolini: S. Acanfora, R. Guidi, V. Foglia Manzillo, R. Capasso (I): 104
2) Big Sergio Al&Al: A. Nuzzo, A. Amato, A. D'Ettore (I): 80
3) Seagull Ukrainian Spirit: O. Chendekov, A. Lysenko e D. Lebed (Ua): 70
4) Karelpiù RG87 Racing team: G. Schiano, A. Schiano, F. Calò (I): 56
5) Spirit of Belgium: S. Jory-Leigh, P. Huybreghts (B): 49

Classifica provvisoria Campionato Europeo Uim Powerboat Gps – categoria Supersport

1) Al &Al
2) Baia Attolini
3) Rg87 Karelpiù

Classifica provvisoria Campionato Italiano Uim Powerboat Gps – categoria Supersport

1) Al &Al
2) Caffè Kenon
3) Baia Attolini
4) Rg87 Karelpiù

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©