Sport / Vari

Commenta Stampa

KART: ARDIGO' E CAMPONESCHI CAMPIONI D'EUROPA


KART: ARDIGO' E CAMPONESCHI CAMPIONI D'EUROPA
05/08/2008, 08:08

Braga (Portogallo), 3 agosto 2008. A Braga, in Portogallo, la terza e ultima prova del Campionato d'Europa di Karting KF1 si era annunciata molto incerta, ma alla fine di una lunga suspence, è stato Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex) a vincere il suo quarto titolo consecutivo, mentre Flavio Camponeschi, sempre su Tony Kart/Vortex, si è imposto nella Finale del Campionato d'Europa KF2.

Chi aveva impressionato nella giornata di sabato, quando era riuscito ad ottenere il primo posto nella prima fila della griglia di partenza di Corsa 1 proponendosi così fra i maggiori candidati al titolo di Campione d'Europa KF1, era stato Arnaud Kozlinski (CRG/Maxter), che aveva confermato il suo ottimo stato di forma dominando subito la prima finale, per poi prendere il largo anche in Corsa 2. Virtualmente campione d'Europa, il pilota francese vedeva però infrangersi il suo sogno a 7 giri dal termine quando il suo motore esalava l'ultimo respiro. E come si può comprendere, la delusione per il pilota CRG è stata davvero enorme...
Così, Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex), sebbene in questo weekend non sia mai stato in grado di ambire alla vittoria, ha visto aprirsi la strada verso il suo quarto titolo consecutivo. Un record storico che il pilota italiano ha potuto festeggiare salendo sul terzo gradino del podio di Corsa 2.
L'altro contendente al titolo, Gary Catt (Tony Kart/Vortex), sesto in Corsa 1, avrebbe potuto cingere la corona del titolo se un contatto al terzo giro di Corsa 2 non lo avesse relegato in fondo alla classifica. Il pilota britannico si è quindi dovuto accontentare del terzo posto in campionato alle spalle di Kozlinski.
Se la lotta per il titolo ha sicuramente calamitato tutta l'attenzione, altri piloti hanno approfittato della tappa lusitana per mettere in mostra il proprio valore. Fra questi, Jean-Philippe Guignet (CRG/Maxter) ha offerto una buona consolazione alla CRG con la vittoria in corsa 2 dopo essere partito dalla 23. posizione. Il pilota francese ha preso il comando delle operazioni a due giri dalla fine, a scapito di Davide Forè (Maranello/Maxter), secondo in Corsa 1. Il pilota della Maranello ha così rimontato al quarto posto in Campionato.
Tuttavia è stato Luca Giacomello (Zanardi/Parilla) la rivelazione del giorno, il solo pilota a correre con i pneumatici Dunlop (tutti gli altri hanno corso con le Bridgestone). L'italiano è arrivato a podio in Corsa 1 e senza un contatto con Sauro Cesetti nell'ultimo giro di Corsa 2, avrebbe potuto duplicare il risultato.

KF2: Camponeschi dall'inizio alla fine

Al contrario della KF1, il Campionato d'Europa KF2 si è disputata su una finale secca dopo le tre Selezioni di Zona svolte in Svezia, Spagna e Italia a Sant'Egidio alla Vibrata. Una sola corsa per assegnare però una corona europea che può avere molta importanza nella carriera di un giovane pilota. Autore del miglior tempo nelle prove cronometrate, leader al termine delle manches qualificative e vincitore della prefinale, Flavio Camponeschi (Tony Kart/Vortex) sapeva che tutto il suo ottimo lavoro non sarebbe servito a niente se non riusciva a replicarsi in finale. E l'italiano non ha deluso.
Scattato dalla pole position, Camponeschi ha subito preso il largo nei primi giri, mentre i suoi avversari non riuscivano ad avvicinarsi al leader. Così Camponeschi ha potuto proseguire indisturbato fino alla vittoria, concludendo davanti al britannico Robert Foster-Jones (FA Kart/Vortex) e al belga Robin Frijns (Birel/Tm), il solo pilota che non disponeva di un motore Vortex fra i primi 6 classificati. A seguire, a completare il successo della marca italiana, il finlandese Petri Suvanto e i britannici Oliver Rowland e Christopher J. Brown (tutti con Tony Kart/Vortex). Il solo pilota portoghese ad essere entrato in finale, José Cautela (CRG/Maxter) si è classificato al 16. posto.
N.B. Le classifiche ufficiali KF2 sono sub-judice.

 

Le interviste:

Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex), Campione d'Europa KF1: "E' incredibile essere Campione d'Europa per la quarta volta di fila. Ho veramente dovuto combattere per tutto il weekend. Quando ho visto Arnaud Kozlinski fermarsi da una parte e il mio compagno di squadra Gary Catt non era più dietro di me, sapevo che ero virtualmente campione. Sono restato calmo per raggiungere il traguardo, è stato uno dei miei titoli più difficili. Ad Angerville, in occasione della prima prova, un incidente aveva rovinato il mio weekend. Qui, sono io ad avere avuto un po' di fortuna...".

Arnaud Kozlinski (CRG/Maxter), vice Campione d'Europa KF1: "E' terribile perdere un titolo come questo, così vicino alla meta... Sono enormemente deluso. La mia sola consolazione è che la performance c'è stata e che ora possiamo avere delle reali ambizioni sul Campionato del Mondo che si disputerà dal 18 al 21 settembre in Italia, a Muro Leccese. Spero che lì possiamo prendere la nostra rivincita!".

Flavio Camponeschi (Tony Kart/Vortex), Campione d'Europa KF2: "Questo weekend si è svolto come in un sogno. Fin dalle prove sono stato il più veloce e tutto è andato bene fino alla fine della finale. Diventare Campione d'Europa era un sogno. Il mio prossimo obiettivo è guadagnare anche la Coppa del Mondo della KF2 fra un mese e mezzo a Muro Leccese!".

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©