Sport / Vari

Commenta Stampa

L’atleta di Casaluce in due riprese batte l’olandese DeGroot

King boxing, Franceso Torrombacco campione del mondo


King boxing, Franceso Torrombacco campione del mondo
08/11/2010, 15:11

AVERSA. Gli sono bastate due riprese per avere la meglio su un atleta, alla vigilia, molto temibile. Da domenica, il king boxing mondiale parla casertano. Tutto merito di Franceso Torrombacco, atleta di Casaluce, che domenica sera, al palazzetto dello sport di Aversa, ha dominato il suo avversario, l’olandese Leandro De Groot, conquistando il titolo mondiale professionisti. Torrombacco, che nella vita lavora alla Merloni (gruppo Indesit) di Teverola, si è imposto sin dalla prima ripresa, buttando al tappeto l’olandese. De Groot è riuscito a risollevarsi, ma alla seconda è stato sopraffatto dall’impressionante progressione di calci e pugni, finendo definitivamente ko. «Sono felicissimo», commenta Francesco, che stenta a credere di aver raggiunto la vetta del mondo in uno sport così duro. «Ringrazio la mia famiglia, gli amici e tutti coloro che hanno creduto in me». Alla premiazione di Torrombacco, tra gli altri, erano presenti l'assessore allo sport di Casaluce Armando Marino, l'assessore allo sport di Aversa Romilda Balivo e Aniello De Cristofaro, già assessore allo sport della città normanna (vedi foto). Il titolo mondiale arriva dopo una sequenza di risultati positivi messi a segno in soli diciotto mesi. L’atleta, infatti, il 10 luglio 2009 a Ronciglione, in provincia di Viterbo, ha conquistato il titolo italiano; pochi mesi più tardi, lo scorso novembre, Torrombacco ha battuto il campione europeo John Niton, per la categoria dei 71 chilogrammi. Una vittoria sofferta, ma per questo ancora più entusiasmante, che ha scritto l’atleta di Casaluce nella storia del king boxing europeo. Francesco, però, non si è accontentato. Non appena è sceso dal ring, ha cominciato a lavorare per il titolo mondiale. Con spirito di sacrificio e duro lavoro, ha preparato l’incontro di domenica con attenzione: ha migliorato sia la sua tenuta fisica, già eccezionale, sia la parte tecnica e sia ancora gli aspetti psicologici, consapevole che avrebbe affrontato un campione che meritava rispetto. La king boxing è uno sport da combattimento che combina tecniche di calcio, caratteristiche di arti marziali orientali, ai colpi di pugno propri del pugilato inglese. Sono sedici anni che Torrombacco coltiva questa pratica e la sua ascesa ha dell’incredibile. Ma l’atleta casertano non ha combattuto solo per la sua ambizione personale: nei guanti del giovane di Casaluce ci sono tutte le speranze di una terra che attende un riscatto sociale e la sua vittoria, forse, rappresenta il primo passo verso un nuovo risorgimento.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©