Sport / Motorsport

Commenta Stampa

Kirobo, il primo robot astronauta a parlare nello spazio


Kirobo, il primo robot astronauta a parlare nello spazio
09/09/2013, 15:46

La missione spaziale di Kirobo ha avuto inizio nelle prime ore del 4 agosto con il lancio del mezzo H-IIB n.° 4 dal Tanegashima Space Center. In testa al vettore di lancio era installato il cargo giapponese Kounotori 4, contenente il robot dalle dimensioni di 34 centimetri. Dopo 6 giorni in orbita, il Kounotori 4 è stato agganciato dall’equipaggio della International Space Station (ISS) attraverso il braccio robotico della stazione.

 

Tra novembre e dicembre, l’astronauta JAXA Koichi Wakata raggiungerà la ISS con la spedizione 38, diventando così il primo astronauta giapponese ad assumere il comando di una stazione spaziale in orbita. Una volta a bordo, a circa 400 chilometri dalla Terra, il Comandante Wakata prenderà parte alla prima conversazione tra un essere umano e un robot. La conversazione si terrà all’interno del Modulo Sperimentale denominato “Kibo”, termine giapponese che significa “speranza”.

 

Kirobo e la sua controparte sulla terra Mirata, sono due robot umanoidi studiati per comunicare verbalmente con gli esseri umani. I robot sono stati sviluppati all’interno del Kibo Robot Project, un progetto che coinvolge la Dentsu Inc., il Centro Ricerche AST dell’Università di Tokyo, la Robo Garage Co. e Toyota Motor Corporation, con l’ausilio della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA).Toyota Motor Corporation ha sviluppato la funzione di riconoscimento vocale del software, con lo scopo di utilizzare tutte le competenze acquisite nel progetto per migliorare i due robot e perfezionare le tecnologie di conversazione ed interazione uomo-macchina.

I contenuti relativi al lancio del modulo e alle prime parole nello spazio di Kirobo sono disponibili all’indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=cvzh3-p0FQQ

 

Per maggiori informazioni visitare il sito del Kibo Robot Project all’indirizzo: http://www.kibo-robo.jp/en/

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©