Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Le reti firmate da Cavani e Hamsik

La Coppa Italia è del Napoli, battuta la Juventus


.

La Coppa Italia è del Napoli, battuta la Juventus
21/05/2012, 11:05

NAPOLI – Il Napoli aveva fame, tanta fame di vittoria. Ha detto bene il tecnico della Juventus, Antonio Conte, commentando la finale di Coppa Italia all’Olimpico. Una fame che ha mostrato dai primi minuti di gioco, scendendo in campo dinanzi a 32 mila tifosi partenopei, con determinazione e grinta. 11 leoni hanno risposto alla richiesta dei propri suopporters: hanno portato a Napoli, dopo 25 anni, la Coppa Italia. 11 leoni hanno manovrato il gioco con velocità, hanno sorpreso la difesa bianconera con i rapidi scambi tra i tre tenori Hamsik, Lavezzi e Cavani. Ed ancora, 11 leoni hanno battuto gli invincibili del campionato 2011/2012.
La prima emozione la regala Zuniga il cui colpo di testa, dopo appena due minuti di gara, trova pronto Storari alla respinta.
Sblocca Cavani al 17 del secondo tempo: è il matador a ricevere palla da rimessa laterale, di testa la passa a Lavezzi. Il Pocho affonda la difesa juventina e viene atterrato da Storari in uscita. E’ giallo per il portiere e rigore per il Napoli: dal dischetto l’uruguaiano regala pura emozione.
E’ a questo punto che Conte decide di cambiare, inserisce Pepe e Vucinic per Lichtsteiner e Del Piero: il tecnico vuole una Juve super offensiva. Dopo poco è tempo anche per Quagliarella, fuori Borriello. Mazzarri risponde con forze fresche ed inserisce in avanti Pandev al posto di un esausto Lavezzi.
E’ all’38 che l’Olimpico si infiamma: Pandev, lanciato in profondità, è bravo a servire Hamsik, che con il suo destro insacca il portiere bianconero.
La Juve non riesce a reagire e chiude la partita con un uomo in meno per l'espulsione di Quagliarella e con un po' di amarezza negli occhi di Del Piero, alla sua ultima con la maglia della Vecchia Signora.
Al triplice fischio ecco che il sogno diventa realtà: il Napoli conquista la quarta coppa. Un’emozione così mancava, forse, dai tempi di Maradona.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©