Sport / Basket

Commenta Stampa

La GMA perde con la capolista Taranto


La GMA perde con la capolista Taranto
29/11/2009, 22:11

GMA PHONICA POZZUOLI: Naydenova, Dixon 19, Benko 5, Chesta 3, Grasso 14, Walker 17, Van Malderen 2, Barnes, Gonzalez 2, David ne.

CRAS TARANTO: Mahoney 13, Siccardi, Gianolla ne, Giauro, David 7, Montanino 8, Wambè 5, Godin 4, Brunson 15, Greco 13.
Coach Ricchini.

ARBITRI: Gasparri di Pesaro e Bernacchi di Canegrate (Mi).
PARZIALI: 13–8, 32–25, 44 – 49..
USCITI PER FALLI: Dixon (Gma Phonica).

La Gma Phonica Pozzuoli non riesce ad arrestare la marcia della capolista che, al PalaErrico, s’impone 65–62. Gara tutt’altro che agevole per il Taranto che deve tenere testa ad una molto volitiva e coriacea compagine flegrea capace di portarsi più volte in vantaggio nel punteggio (+10 al 18°, +3 a 14” dalla sirena).
Punteggio bassissimo in avvio di partita con le due difese molto attente, pressanti a dominare la scena: Benko segna dalla lunetta dopo 100“, né occorrono 140” per vedere il primo canestro dal campo firmato da Brunson: 1–2 al 4° quando Palumbo ricorre ad un time out. Il punteggio continua a muoversi con estrema fatica, i due allenatori operano i primi cambi (Gonzalez e Montagnino), poi Ricchini decide di spendere una sospensione dopo il poker firmato da Walker e Grasso: 5–2 al 6°. Le biancoblù hanno trovato il bandolo della matassa offensivo con Walker (4), Grasso (2) e Benko (2) che ottimizzano ogni varco trovato. In difesa concedono poco, ma Mahoney (2) e Greco (4) tengono a breve distanza la propria squadra: 13–8 al 10°.
All’inizio del secondo periodo due triple di Montagnino portano avanti le pugliesi (13–14). L’empasse offensivo partenopeo si rompe subito con le cestiste che riprendono a fatturare tenendosi avanti nel punteggio, ma con le avversarie sempre a contatto (22–20 al 15°). Sale nettamente d’intensità la difesa campana, l’attacco continua a produrre e si vola sul +10 al 18° (32–22). Poi si blocca e negli ultimissimi possessi Brunson e Greco limano il divario (32–25 al 20°).
In pochi possessi la formazione ospite si riporta a contatto (32–31). Inizialmente troppo elaborata e poco proficua la manovra offensiva di casa che, poi, migliora. Si procede con un canestro per parte con le viaggianti che aumentano più volte la pressione difensiva. La Gma Phonica la soffre, ma segna a sufficienza per rispondere alle realizzazioni di Brunson (10) e tenersi a contatto (42–40 al 27°). Quando si scalda anche Godin la forbice s’apre in favore delle campionesse d’Italia: 44–49 al 30°.
Wambe e David puniscono inesorabilmente le prime due palle perse nell’ultimo quarto delle flegree (49–53 al 31°). Prima Grasso (4) e poi Dixon (5) si caricano offensivamente sulle spalle il quintetto e riagganciano le tarantine (53–55 al 33°). Si segna meno nel prosieguo della frazione con Dixon che guida l’attacco biancoblù, mentre la difesa recupera diversi rimbalzi. Le rossoblù sono in difficoltà in attacco e si caricano di diversi falli individuali e di team (59–57 al 35°). Le pugliesi le tentano tutte in difesa (pressione a tutto campo, zona) per limitare le percentuali partenopee, ma Grasso trova altri 3 punti utili per replicare ai due personali di Brunson (62–59 ad 80” dalla sirena). Wambè fa ½ dalla lunetta poi Greco infila un gioco da 4: 62–65 a 14” dal termine. Sul ferro la tripla del possibile pareggio campano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©