Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Blitz del "pool reati economici" della procura partenopea

La Guardia di Finanza nelle sedi di FIGC ed SSC Napoli

I Pm di Napoli a caccia di ingaggi e contratti sospetti

.

La Guardia di Finanza nelle sedi di FIGC ed SSC Napoli
03/10/2012, 16:07

Visita congiunta della GDF nella sede sportiva del Calcio Napoli, FilmAURO, FIGC. Questa sera diretta alle 21.00 su Julie Italia dedicata alla prima vera giornata rovente del team di Aurelio De Laurentiis. Ospiti in studio, Roberto Esse, Gianni Rinaldi, Liberato Ferrara

Comunicato della SSC Napoli

In data odierna la Guardia di Finanza ha compiuto un accesso presso gli uffici della Società per acquisire informazioni nell’ambito di un procedimento radicato nel 2007 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli e di cui non sono noti i contenuti. Al riguardo si sottolinea che la Società ed i suoi rappresentanti e dirigenti non risultano indagati.

La Società, seguendo una linea di continuità comportamentale adottata dal primo giorno della sua costituzione, è al fianco della magistratura in ogni attività volta all’accertamento della verità.

AGGIORNAMENTO 16:36

"Nessun blitz, nessuna perquisizione e nessun sequestro tanto che a Roma sono arrivati uomini in borghese. Si è trattato di una semplice acquisizione di copia di specifici atti nell'ambito di una normale attività investigativa", dice al Velino una fonte accreditata della Procura di Napoli. Stando a quanto apprende il Velino proprio per evitare "inutili clamori" si è proceduto con tutte le accortenze del caso. Fonti investigative fanno sapere dunque che quanto accaduto oggi rientra "in una normale attività investigativa che non giustifica tanto clamore mediatico. Insomma una tempesta in un bicchier d'acqua".

AGGIORNAMENTO 16:06


Acquisizioni di atti da parte della Guardia di finanza, su delega della procura di Napoli, sono avvenute stamane, secondo quanto trapela, anche nella sede della Filmauro di Roma, la società di produzione cinematografica del presidente del clan azzurro Aurelio de Laurentiis, oltre che nelle sedi del Napoli a Castel Volturno e della Figc a Roma- "Non posso confermare l'eventuale acquisizione di atti alla Filmauro - dice all'Ansa l'avvocato Mattia Grassani, legale del Calcio Napoli - ma mi sembrerebbe normale visto che la centrale amministrativa del Napoli non è a Castel Volturno ma nella sede della società romana del presidente De Laurentiis".

L'acquisizione di documenti da parte della Guardia di Finanza relativa ad alcuni contratti della Società Sportiva Calcio Napoli è "oggetto di un'indagine conoscitiva che consiste in una mera acquisizione documentale su alcuni calciatori. Ma non ci sono indagati né soggetti nei confronti dei quali viene mossa alcuna accusa". Lo ha detto all'ANSA l'avvocato del Napoli Mattia Grassani in merito alle perquisizioni che si sono svolte questa mattina. 

"La contrattualistica del calcio Napoli, sia per il rapporto sportivo che per la cessione dei diritti d'immagine dei calciatori, è, dall'inizio della presidenza di De Laurentiis, sempre stata condotta in maniera rigorosa e nel pieno rispetto delle norme sportive e statuali vigenti e portando a termine tutti gli adempimenti fiscali e contributivi". Lo ha detto all'Ansa il legale del Calcio Napoli, Mattia Grassani, in riferimento alle acquisizioni di atti effettuate stamane dalla Gdf su delega della procura del capoluogo campano. "Infatti - sottolinea Grassani - non si è trattato di acquisizioni particolarmente onerose, ma di atti depositati anche in Lega Calcio e verificati dalla Covisoc e dai consulenti esterni della Deloitte. Sono quindi atti e documenti alla luce del sole". Il legale ha spiegato che per il momento non è previsto nessun atto ulteriore e che "tutti gli adempimenti chiesti dalla Guardia di Finanza sono stati soddisfatti nella massima trasparenza".  

AGGIORNAMENTO 11:00

Blitz questa mattina della Guardia di Finanza, nella sede romana e al centro di  Castelvolturno della SSC Napoli su mandato di un inchiesta della Procura di Napoli. Le fiamme gialle stanno eseguendo una serie di acquisizioni di documenti anche nelle sedi della Figc. Secondo quanto si apprende dalle prime notizie, i 
finanzieri stanno acquisendo documenti relativi alle procedure di acquisto e cessione dei diritti sulle prestazioni sportive dei calciatori, ai rapporti con gli agenti ed alle relative movimentazioni finanziarie. I magistrati hanno disposto l'acquisizione di bilanci, contratti degli atleti tesserati, mandati ai procuratori, modelli depositati presso la Federazione, garanzie, pagamenti relativi agli ingaggi dei calciatori professionisti.

Il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza su mandato del pool 'reati economici' della Procura di Napoli, avrebbe acquisito documentazioni anche nella sede della Filmauro, il colosso cinematografico di Aurelio De Laurentiis, che e' anche presidente della SSC Napoli.  

Conclusa intorno alle 12:30 l'attivita' di acquisizione di documenti da parte degli uomini della Guardia di Finanza nella sede del Napoli, nel centro tecnico di Castel Volturno. I finanzieri del 'pool reati economici' in azione su delega della Procura della Repubblica di Napoli, sono rimasti negli uffici per circa due ore e un quarto. Al termine dell'attivita', i quattro uomini delle Fiamme Gialle si sono allontanati a bordo di due auto. Al momento non ci sono ancora reazioni ufficiali da parte della societa' i cui dirigenti sono in viaggio per la trasferta di domani sera in Olanda contro il Psv Eindhoven per il match di Europa League. 

Anche nella sede della FIGC, gli uomini della Guardia di Finanza hanno trascorso circa mezz'ora negli uffici di Roma, per acquisire, su mandato della Procura di Napoli, copie dei contratti tra i giocatori e la societa' Napoli Calcio e tra giocatori e i propri agenti.

I finanzieri sono saliti al terzo piano della sede di via Allegri, intorno alle 10, e si sono fatti consegnare dal segretario federale Antonio Di Sebastiano la documentazione relativa alle procedure di acquisto e cessione dei diritti sulle prestazioni sportive dei calciatori partenopei, ai rapporti con gli agenti e alle relative movimentazioni finanziarie. Non si conoscono ancora i nomi dei calciatori e il periodo in cui i contratti sono stati sottoscritti.
 

Gli investigatori avrebbero puntato le loro attenzioni su alcuni contratti di acquisto di alcuni calciatori. L'attenzione sarebbe puntata in particolar modo su uno di questi giocatori che oggi non milita piu' nella societa' azzurra. L'indagine e' coordinata dai pm della Sezione Reati da stadio della Procura guidata dal procuratore aggiunto Melillo e dai pm Ardituro, Capuano, De Simone e Ranieri. 


Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©