Sport / Vari

Commenta Stampa

La Fis ha sconsigliato uso: troppo al limite del regolamento

La Maze risponde alle polemiche sulla sua "biancheria intima"


La Maze risponde alle polemiche sulla sua 'biancheria intima'
16/01/2012, 11:01

CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO) - La sciatrice slovena Tina Maze ha dimostrato di avere un gran senso dell'umorismo. E' stata coinvolta dalle polemiche per il ricorso della squadra svizzera, che dopo la gara di Bad Kleinkirchen l'aveva accusata di indossare una sottotuta - quella che fa anche da biancheria intima e che è a contatto della pelle, durante le gare - irregolare, in quanto fatta di materiale troppo rigido rispetto ai regolamenti. La qual cosa, se si fosse dimostrata vera, le avrebbe dato un vantaggio aerodinamico. La Fis, che ha verificato il materiale di cui è composto, se ne è uscita con una soluzione salomonica: la sottotuta non è irregolare, ma se ne sconsiglia l'uso, perchè il materiale è troppo simile alla plastica.
Ed ecco la risposta della Maze: salita sul podio più basso del super-G di Cortina, che si è disputato ieri, si è aperta la tuta in favore di telecamere, mostrando la sua sottotuta su cui ha scritto in inglese: "Non sono affari vostri". Ed effettivamente, come darle torto, regolamenti a parte?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©