Sport / Vari

Commenta Stampa

La nazionale di parapendio difende il titolo agli europei: raduno in Val d'Aveto (Genova)


La nazionale di parapendio difende il titolo agli europei: raduno in Val d'Aveto (Genova)
05/09/2012, 09:20

I prossimi 15 e 16 settembre, nell'incantevole panorama dei monti attorno a Santo Stefano d'Aveto (Genova), è in programma l'edizione 2012 di Aveto Fly Adventure, raduno di piloti di parapendio organizzata dall'associazione genovese di volo libero Settimo Cielo in collaborazione con Aveto Turistica Sportiva.
La manifestazione si propone di riunire i piloti della Liguria e delle regioni circostanti e tutti coloro che amano il volo in parapendio e deltaplano, la montagna e la natura, alla scoperta o riscoperta di un sito affascinate, tra scenari incantevoli ed i suggestivi panorami offerti dalle vette più alte dell'Appennino Ligure che sovrastano la Val D'Aveto.
Il programma prevede il ritrovo per sabato 15 settembre alle 10.30 presso la gli impianti di risalita in località Rocca D'Aveto. In seggiovia i partecipanti saliranno al Prato della Cipolla per poi raggiungere il decollo sul Monte Bue (1780 m), da dove è possibile sfruttare le migliori condizioni di volo che in alcuni casi permettono di raggiungere quote attorno ai 3000 metri e percorrere molti chilometri tra panorami e scorci indimenticabili, incontrare gheppi e diverse specie di rapaci, uccelli grandi veleggiatori che sfruttano le masse d'aria ascensionali e che ogni pilota tenta di imitare.
Infatti, non essendo dotati parapendio e deltaplani di alcun motore, la sola propulsione che li mantiene in aria è l'azione del sole sul suolo e le masse d'aria ascensionali che con essa si creano. Volteggiando all'interno di queste masse, dette termiche, il pilota gestisce il mezzo in modo che questo salga insieme a dette masse. La quota gli permetterà poi, grazie all'efficienza del mezzo, di percorrere il cielo alla ricerca di nuove ascendenze e nuove salite in quota per percorrere altra distanza, in un continuo gioco che ha permesso di stabilire record mondiali come i 508 km in parapendio ed i 768 di quello in deltaplano stabilito questa estate.
Oltre al Monte Bue, altri decolli sono posti sul Monte Maggiorasca (1804) e alla base del Monte Groppo Rosso a quota 1500. La giornata si chiuderà con una cena presso il ristorante La Rocca, località Rocca d'Aveto, seguita da animazione e intrattenimento nell'attigua discoteca.

Nel frattempo la nazionale italiana di parapendio è impegnata a difendere il titolo di campione d'Europa agli europei in corso a Saint-André-les-Alpes in Francia sotto l'egida della Federazione Aeronautica Internazionale.
Il team azzurro è composto dai trentini Christian Biasi ed il vice campione del mondo Luca Donini, da Nicole Fedele (Udine) campionessa italiana in carica, dai torinesi Davide Cassetta e Marco Littamé, nuovo campione italiano, da Joachim Oberhauser e Peter Gebhard (Alto Adige) e da Alberto Vitale di Bologna: La comitiva comprende anche il CT Alberto Castagna di Milano, il coordinatore tecnico Giorgio Corti di Lecco e il coordinatore logistico Paolo Zammarchi di Brescia.
Dopo la cerimonia d'apertura di sabato, le condizioni del tempo non hanno permesso la disputa di nessuna task. La competizione si chiuderà il 15 settembre.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©