Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

La risposta a Conte: "Ognuno prova a vincere a modo suo"

La polemica dopo Juve-Napoli, Benitez: "Non pungolo nessuno"

Sulla gara: "Se Insigne segnava la partita sarebbe cambiata"

La polemica dopo Juve-Napoli, Benitez: 'Non pungolo nessuno'
11/11/2013, 11:03

Conte ha aspettato Benitez dopo la partita per parlare. Così, dopo che nessuno dei due si presentava davanti alle telecamere, il primo a "cedere" è stato Benitez. Il tecnico spagnolo ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di SKY nel postpartita di Juve-Napoli, e lo ha fatto rispondendo anche a ciò che ha detto di lui Conte alla vigilia: "Subire un gol dopo soltanto 2 minuti in questo stadio, contro una squadra così forte, non è facile per nessuno. Sicuramente abbiamo subito i primi 15-20 minuti prima di rimetterci in carreggiata, poi però nel secondo tempo la squadra ha reagito, ha fatto bene e magari se Insigne avesse segnato la partita sarebbe cambiata. Hamsik pure è cresciuto nel secondo tempo, Marek è un grande calciatore e non si può giudicare soltanto la sua partita. Parole di Conte in conferenza? Ciascuno di noi gestisce la partita, il calcio, come meglio crede. Io ho lavorato in tre paesi diversi con tre mentalità diverse, ognuno prova a vincere alla sua maniera. Perfetto così. Non pungolo nessuno quando dico che la Juventus è forte, la mia squadra è in crescita mentre loro vincono lo scudetto da due anni di fila. Hanno un fatturato maggiore al nostro di 100 milioni, un centrocampo molto forte, credo sia ovvio abbiano qualcosa di più in campo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©