Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

NEL 2009, LA JUVE...

L'agente Guerra: "Rifiutati 21 mln per Lavezzi"


L'agente Guerra: 'Rifiutati 21 mln per Lavezzi'
11/08/2011, 11:08

Una notte a Marechiaro, stesso ristorante per il capitano del Napoli e uno dei procuratori francesi più noti. Paolo Cannavaro e Frederic Guerra si sono incrociati martedì sera da “Cicciotto”. Accolti da Gianluca Capuano, hanno cenato a tavoli differenti.
Guerra, tra pesce crudo e linguine all’astice, ha rivelato una storia di mercato. Datata 2009, riguardava Lavezzi, nome caldo sul mercato anche due anni dopo. Guerra venne contattato dai dirigenti della Juve di allora, il vicepresidente Jean Claude Blanc e il direttore sportivo Alessio Secco, interessati al Pocho, in rottura con il Napoli per questioni contrattuali. Parlò con Alejandro Mazzoni, il procuratore dell’argentino. “La Juve presentò un’offerta elevata, 21 milioni. Ma De Laurentiis rifiutò”.
Undici milioni in meno di quanti sono previsti nella clausola di rescissione inserita nel nuovo contratto di Lavezzi, siglato nel dicembre 2009. Reduce da un viaggio di lavoro in Grecia, Guerra è in vacanza a Napoli per alcuni giorni. “Il futuro di Lavezzi? Non me ne occupo più, Io so soltanto di quell’interessamento della Juve”.
Erano giorni di altissima tensione, quelli dell’estate 2009, tra De Laurentiis e Lavezzi. Fino al chiarimento e all’accordo contrattuale, che potrebbe essere rimasto in discussione soltanto da un’offerta da 32 milioni.
L’agente Fifa ha fatto gli auguri a Cannavaro. “Attenzione alle francesi in Champions League”. Guerra ha avuto contatti con i dirigenti del Napoli nei mesi scorsi. Avevano parlato del centrocampista Maxime Gonalons, 22 anni, punto di forza del Lione: il club azzurro ha poi puntato sull’asse svizzero Inler-Dzemaili. Altri nomi, altre idee? Il Lione ha altri due talenti secondo Guerra, Ishak Belfodil, attaccante di 19 anni, e Clement Grenier, centrocampista di 20. E poi c’è Loic Remy, il possente attaccante di 24 anni del Marsiglia.
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©