Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

L'agente: "Pandev probabile titolare a Firenze"


L'agente: 'Pandev probabile titolare a Firenze'
16/02/2012, 12:02

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Carlo Pallavicino, procuratore di Pandev, Dzemaili e Montolivo
“Napoli, il terzo posto non è un’utopia”
“Contro la Fiorentina non so se Pandev avrà la maglia da titolare ma penso di si. In base a certe scelte che verranno fatte nel match di venerdì, capiremo qualcosa in più anche su quelle che saranno le scelte di Mazzarri in Champions League, in Napoli-Chelsea
Al Franchi mi aspetto una partita in cui entrambe le squadre avranno voglia di vincere. Né Napoli, né Fiorentina vorranno accontentarsi di un pareggio. Venerdì mi aspetto una partita da tripla anche se il match potrebbe finire anche in pareggio, che non scontenterebbe nessuno.
È vero che il Napoli è in corsa per tutti gli obiettivi però è illogico pensare di fare delle scelte definitive. Nel campionato noto per esempio che non ci sono squadre una condizione ottimale. Credo che Juventus e Milan si giocheranno lo scudetto, ma il terzo posto per il Napoli non è un’utopia. Il Napoli ha giocatori che possano risolvere le partite.
Ieri ho visto nei migliori giocatori della Juventus e quindi in Marchisio e Vidal, qualche battuta a vuoto. La Juventus di ieri non mi ha fatto un’impressione favolosa anche perché il Parma non ha mai cercato di mettere in difficoltà la Juventus che poteva quindi premere sull’acceleratore. Per quanto riguarda i rigori, dal campo ho avuto la percezione che quello di Giovinco fosse più netto rispetto a quello su Giaccherini.
Le due giornate di squalifica a Mazzarri? Rivedendo l’azione c’è da dire che l’atteggiamento del tecnico toscano non sia stato molto sportivo.
Il futuro di Pandev? Solo un folle a febbraio potrebbe decidere di voler andare via da Napoli. Il discorso mercato credo che non lo si debba affrontare in questo mese, così importante per il Napoli. Mi piacerebbe vedere Lavezzi disputare ancora molti anni in maglia azzurra”. 
 

Commenta Stampa
di Massimo La Porta
Riproduzione riservata ©