Sport / Vari

Commenta Stampa

La più giovane velista di sempre a raggiungere l’obbiettivo

Laura Dekker: ha fatto il giro del mondo in un anno


Laura Dekker: ha fatto il giro del mondo in un anno
22/01/2012, 20:01

MILANO – Alla fine Laura Dekker, 16enne olandese ha coronato il suo sogno: fare il giro del mondo in un anno.
Il 20 gennaio dell’anno scorso, era partita da Saint Martin, l’isola delle Antille olandesi, luogo in cui è ritornata esattamente un anno e un giorno dopo. Il viaggio lo ha affrontato da sola, con un’unica concessione alla sua sicurezza: la navigazione non è stata ininterrotta ma frazionata in tappe.
Ora, è la più giovane velista ad aver compiuto il giro del mondo in totale solitudine.
Laura Dekker ha realizzato il suo sogno il suo sogno al timone di un due alberi lungo 11,50 metri, un Gin Fizz Jeanneau, a tappe di tre settimane per volta. Il suo caso però aveva – in precedenza – dato il via a non poche polemiche: un primo viaggio progettato era stato bloccato nel 2009 dalla giustizia olandese che non considerava sufficienti le garanzie di sicurezza per la ragazzina. Invece un altro tribunale nel luglio 2010 aveva stabilito che la decisione spettava ai genitori. Mamma Babs e paptà Dick le hanno dato il permesso di compiere quest’avventura, seguendola passo dopo passo.
C'è un altro record di precocità nella vela ocenanica femminile: quello di Jessica Watson, giovanissima australiana che nel maggio 2010 ha portato a termine il giro del mondo in solitario, ma senza scali e senza assistenza, tre giorni prima di compiere 17 anni. Laura Dekker invece gli scali li ha fatti ma è comunque la più giovane, perché i 17 anni li compirà a settembre. In ogni caso entrambi i record non sono ufficiali: né il Guinness dei primati, né il World Sailing Speed Record Council (organismo ufficiale per la convalida dei record a vela di velocità) li accettano questi primati. «Per noi conta la velocità, l'età dei concorrenti non è motivo di record» ha detto John Reed, segretario del WSSRC.
Ad accogliere Laura al suo ritorno vi erano i genitori ed una folla di circa 400 persone, tutti pronti a festeggiarla anche se – secondo l’avvocato di famiglia – la giovane velista rischia l'affidamento ai servizi sociali per essere scappata di casa per tentare l'impresa.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©