Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Lavezzi: "Felice di ricordare Diego ai tifosi"


Lavezzi: 'Felice di ricordare Diego ai tifosi'
01/02/2011, 10:02

Ezequiel Lavezzi ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni al quotidiano argentino “Clarin”, partendo da alcune considerazioni sul calore che ha ricevuto dalla città di Napoli: "Difficile spiegare l'amore che la gente mi dimostra. Bisognerebbe essere qui per capire. Io potrei raccontarvi mille storie di questo affetto, ma forse non capireste o non mi credereste. E' come una malattia - scherza il Pocho - E' incredibile il livello di attenzione che c’è intorno a me. Ma andiamoci piano con qualsiasi voglia di avvicinarmi a Maradona: lui è stato e rimane il calcio, io sono semplicemente un calciatore. Però qui sono amato dalla folla, è come se, attraverso me, volessero rivedere lui. So di essere un idolo, ne sono fiero, ma lasciamo perdere el Pibe de Oro".

Lavezzi, successivamente, parla della squadra e degli obiettivi da raggiungere: "Lo scudetto dipende soprattutto da noi. Dobbiamo innanzitutto convincerci della nostre forza, avere maggiore considerazione delle nostre qualità. Dobbiamo smettere di avere paura delle grandi squadre, contro le quali a volte abbiamo giocato con un pizzico di paura. Questo è l‘unico, grande difetto che abbiamo mostrato in questa stagione. Chiaro che i tifosi vogliano rivivere i giorni meravigliosi di Maradona, ma noi dobbiamo tenere i piedi per terra e giocare ogni partita come se fosse l'ultima. Però, ciò che sapremo fare dipenderà innanzitutto da noi stessi. Il mio futuro? Per il momento voglio restare qui, ma non sono uno che dice non andrò mai via, perché so come va il calcio. Vorrei finalmente giocare ina una grande squadra ma questo non significa che lascerò Napoli".
Commenta Stampa
di Pietroalessio di Majo
Riproduzione riservata ©