Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

Il Pocho convocato da Maradona dopo l'infortunio alla gamba

Lavezzi in Argentina: consulto con l'Afa


.

Lavezzi in Argentina: consulto con l'Afa
27/01/2010, 11:01

NAPOLI - Partirà in serata alla volta di Buenos Aires Ezequiel Lavezzi, convocato dalla Federcalcio argentina in seguito all'infortunio subito lo scorso 10 gennaio nel corso del match con la Sampdoria. Diagnosi: stiramento di due centimetri al bicipite femorale della coscia sinistra. Ma l'Afa vuole assicurarsi circa le condizioni di salute dell'attaccante azzurro e, dietro l'input del commissario tecnico Maradona e del medico Villani, ha chiesto alla squadra, attraverso un fax,  l'autorizzazione a sottoporlo a consulto.
Il Pocho si recherà in Argentina, accompagnato dal dottor Enrico D'Andrea, fisiatra e componente dello staff medico del club partenopeo, e non tornerà prima di dieci giorni: "Ci vediamo presto" - ha detto ai compagni, salutando con un sorriso. Il giocatore ha spiegato ai cronisti di essere stato contattato dai dirigenti della Federcalcio: "Hanno chiesto notizie sulle mie condizioni fisiche - ha precisato - e mi hanno invitato a recarmi in Argentina. Ho ottenuto il permesso dalla società e parto. Le mie condizioni - ha aggiunto - stanno migliorando: sto bene." Il dottor Villani visiterà Lavezzi domani o venerdì; a seguire, l'incontro con Maradona, impegnato, in questi giorni, a testare i possibili nazionali che giocano in Argentina.
Il Pocho intanto fa sapere di essere intenzionato a prendere parte alla sfida in campionato con la capolista: "Punto a giocare la partita con l'Inter" - ha detto ai compagni di squadra a diciotto giorni dalla sfida con i campioni d'Italia che un anno fa, quando c'erano tensioni con il Napoli, lo avevano corteggiato. Il presidente De Laurentiis e il procuratore Mazzoni hanno rinsaldato il rapporto con i giocatore ridefinendo la bozza per il nuovo contratto che durerà fino al 2015 e vedrà quasi raddoppiare lo stipendio del Pocho.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©