Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

LA TRATTATIVA

Lavezzi, Moratti e De Laurentiis vicini al sì


Lavezzi, Moratti e De Laurentiis vicini al sì
30/05/2012, 09:05

Affare annunciato, affare fatto. «Abbiamo rinnovato per tre anni con Stramaccioni» dice Massimo Moratti uscendo dalla Saras. Strama era uscito poco prima da un vertice di mercato con Branca e Ausilio dicendo «Siamo carichi» e dando un seguito concreto all’incontro col presidente di lunedì: il tecnico romano ha firmato fino al 2015 con un compenso (a salire) di circa 500.000 euro. Strama (che oggi terrà una lezione ai futuri tecnici del Master a Coverciano) ha già Palacio. E forse avrà anche Lavezzi, per il quale il tormentone prosegue senza freni. 

La volontà del Pocho La conferma arriva dal numero uno interista: «Oggi (ieri, ndr) dovevamo parlarci, con De Laurentiis, ma alla fine non lo abbiamo fatto perché sono sopraggiunti impegni reciproci. Come siamo rimasti l’ultima volta? Che ci saremmo sentiti nuovamente ». Massimo Moratti spiega così il carteggio di ieri che carteggio alla fine non è stato. Il tema Lavezzi resta un tema da affrontare separatamente. Un tema apertissimo. In tutto questo, il presidente del Napoli svela: «C’è da tenere conto dei 31 milioni della clausola, il contratto parla chiaro, ma sarà fondamentale, conterà molto, la volontà del giocatore, le sue esigenze. Si tratta di un’asta internazionale perché ci sono proposte per lui che arrivano anche dalla Cina (pare il club di Lippi, il Guangzhou Evergrande, ndr). Se decidesse di tornare a Napoli, sarei sempre pronto a riprenderlo». L’ipotesi però è la più remota. Perché il discorso con l’Inter è aperto. E il passaggio di De Laurentiis più importante riguarda proprio «la volontà del Pocho» che spinge per Milano da tempo. A Parigi offrono 4,5 milioni l’anno (a lui) e 26 milioni al Napoli: De Laurentiis dirà Psg o Inter, naturalmente
ascoltando anche le altre sirene straniere.

Pandev, soldi e Juan Jesus? La società nerazzurra per andare incontro alla volontà di Lavezzi metterà sul tavolo soldi, un giovane in prestito (Juan Jesus, già richiesto a gennaio dai partenopei) e l’intero cartellino di Pandev. Ieri a Milano si è fatto vedere Alejandro Mazzoni, l’agente di Lavezzi, che ha pranzato da Giannino —noto punto di riferimento milanista — e poi si è ritirato nella sua camera del Principe di Savoia senza farsi vedere né in sede né negli uffici di Moratti in centro. L’alternativa al Pocho resta Gomez del Catania.
Fonte:gazzetta dello sport

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©