Sport / Calcio Napoli

Commenta Stampa

PARLA CAMPAGNARO

"Lavezzi, per Napoli, viene subito dopo Diego"


'Lavezzi, per Napoli, viene subito dopo Diego'
09/12/2011, 11:12

In silenzio a Napoli, Hugo Campagnaro ha parlato con Radio Rivadavia, una delle emittenti più ascoltate in Argentina. Il difensore ha trattato vari argomenti poche ore dopo la vittoria sul Villarreal, parlando anzitutto del suo momento.
Dopo un'estate tormentata, a causa dell'incidente automobilistico in cui erano morte tre persone, Hugo ha ripreso a giocare ad alti livelli.
«Dopo il Moron, ho giocato per cinque anni, sono passato al Piacenza e da qui mi sono trasferito prima alla Sampdoria e poi al Napoli. Sto giocando qui da ormai dieci anni e il mio livello sale di anno in anno, adesso partecipo alla Champions League e credo che questo sia il momento più importante della mia vita».
Sulla partita in Spagna.
 «Ci siamo stancati, però fortunatamente siamo riusciti a qualificarci per gli ottavi di Champions. Lavezzi è considerato a Napoli un idolo grandissimo, credo che lui venga dopo Maradona nella considerazione popolare. C'è una passione forte e penso che lui la soffra e lo ha detto, però questo non accade con tutti i giocatori».
A proposito di De Laurentiis e del calcio italiano.
«Il presidente è un grande motivatore, sta sempre con la squadra. È arrivato quando il club era in C e adesso siamo su un grandissimo livello. Negli ultimi anni si sta facendo sentire la crisi nel calcio italiano e si vedono posti vuoti negli stadi, però a Napoli c'è una grande passione che ci accompagna».
Infine, sulla possibilità di essere convocato nell'Argentina .
«Ho incontrato Gugnali, l'aiutante del ct Sabella, e mi ha detto che la convocazione dipende da me, da come giocherò. Sono sotto osservazione e sono orgoglioso di questo. Io non penso a giocare nella Seleccion, penso al Napoli. Si è detto che avrei potuto ricevere una chiamata dall'Italia, ma non c'è stato niente al momento. Il sogno di ogni calciatore è giocare nella propria nazionale».
FONTE: IL MATTINO

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©