Sport / Calcio

Commenta Stampa

IL PENSIERO AZZURRO

Le ragioni degli assenti


Le ragioni degli assenti
08/03/2010, 09:03

Per la prima volta in questo campionato il Napoli di Mazzarri perde senza poter recriminare sulle ingiustizie, perde meritatamente. Una sconfitta ci può stare, ma deve creare allarme se si associa al fatto che non si vince da 6 partite. Dopo aver dato le colpe agli arbitri ed agli infortuni ora cosa facciamo? Ce ne facciamo una ragione? Sì, facciamocene una ragione e diamola agli assenti. Contro il Bologna si è avuta la prova evidente che i giocatori che hanno trascinato il Napoli ad una fantastica rimonta in classifica sono stanchi, ed hanno bisogno di tirare il fiato. Il Napoli è stato sovrastato dal Bologna innanzitutto fisicamente.
Verrebbe da rimpiangere la fretta con cui è stata ridotta di numero una rosa definita “troppo ampia”: oggi Datolo e Contini avrebbero fatto molto comodo. Il primo per dare un turno di riposo ad Hamsik o consentire a Lavezzi per riprendere con maggiore gradualità; il secondo per schierare un giocatore di ruolo sul centro sinistra in difesa, guarda caso la zona da cui sono provenuti i due gol del Bologna. E ancor di più verrebbe da rimpiangere il mercato in entrata, per la mancanza di un centrocampista di sostanza: le squadre che stanno meglio in questo momento sono molto forti fisicamente in mezzo al campo, come la Juventus ed il Bologna. Le squadre più leggere come Napoli, Fiorentina, Cagliari, stanno tirando il fiato. Del resto si dice che i giocatori pesanti ci mettono tempo per entrare in forma, ma forse il momento è arrivato.
Ma evitiamo di piangere sul latte versato, e pensiamo cosa si può fare. Alcuni giocatori del Napoli, in particolare quelli non abituati ad essere titolari come Pazienza ed Aronica, sono stanchi e non offrono più le prestazioni di qualche tempo fa. Squadra che vince non si cambia, ma squadra che non vince va rivista. Cigarini ha fornito un assist importante a Denis, Dossena ha spinto a sinistra, Denis ha sgomitato in area: Mazzarri ha il dovere di capire che in panchina ha gente motivata, fresca e con voglia di giocare, molto più di titolari in evidente debito di ossigeno

Diego Nobile

Commenta Stampa
di Pensiero Azzurro
Riproduzione riservata ©